2 maggio 2012

Mercoledì 2 Maggio 2012


Ed anche Aprile è passato.

Il Primo Maggio anche.

Come ogni inizio di un nuovo mese, mi ritrovo qui a parlarvi dei libri che ho letto e dei film che ho visto nel mese precedente.

Libri ne ho letti solo due.


Il primo che ho letto, è Sono bruttissima, di Judith Fathallah


Pic

Lo trovo un libro molto interessante. Ne parlai anche nel mio primo blog prima che lo cancellassero.
Il libro è stato scritto da un'ex ragazza anoressica, ma non è una storia autobiografica.
Descrive perfettamente le ossessioni di una mente malata d'alimentazione, le fisse, le paure, le convinzioni, l'egoismo, la cattiveria e la solitudine che provano le persone che soffrono di questa malattia. E' terribile.

Il secondo libro che ho letto, è stato uno dei miei due preferiti durante l'infanzia. Ci furono un paio d'anni in cui lo lessi a ripetizione, quando avevo 8 anni o giù di lì.
Si tratta di Pippi Calzelunghe di Astrid Lindgren (la foto è piccola perchè ho messo l'unica che ho trovato con la copertina che ho anche io)



Bello davvero.
Un libro scritto sinceramente e spontaneamente, senza il politically correct che adesso va tanto di moda. Un libro per bambini dove i protagonisti, bambini anch'essi, bevono caffè e hanno meno di dieci anni, e dove Pippi ammette candidamente di vivere sola, senza il controllo di nessun adulto, e fa ciò che vuole. Spende e spande le sue monete d'oro, ammette di fregarsene della cultura e delle mortificazioni (le moltiplicazioni) e porta avanti la bandiera del divertiamoci finchè si può, che di diventare grandi ce ne freghiamo.
In questo libro, le persone di colore vengono chiamate negre senza nessun tipo di razzismo sotto e senza che nessun perbenista gridi allo scandalo (ed è un libro del 1945, non del '500), la violenza di Pippi che con la sua forza lancia persone facendo fare loro dei voli non da sottovalutare viene considerata normale, e nessun bambino è mai diventato pazzo o aggressivo dopo averlo letto, a differenza dei bambini di oggi che sono super controllati ma diventano imbecilli davanti ai videogiochi o a chissà cos'altro.

Ma passiamo ai film visti ad Aprile.

Ho visto per la centesima volta Mean Girls

Pic

Quanto mi piace quel gruppo di galline rincitrullite e vipere. Descrivono benissimo la vita quotidiana di qualsiasi scuola superiore che si rispetti (e forse anche media, coi tempi che corrono).
Oche giulive pettegole ed invidiose, oltre che cattivelle e vogliose di fare le primedonne.
Stupide imbecilli nella realtà dei fatti. Bambinette senza cervello che non vanno al di là del loro lipgloss, anche se poi la protagonista si redime, rendendosi conto di quanto sia importante avere valori e bla bla bla. Solita storia.

Poi ho visto The Help. Il mio primo film in inglese con sottotitoli in italiano. Fortuna volle che proprio in questo film, il linguaggio usato non sia quello moderno, per cui si sentono You is al posto di You are e via discorrendo. Se non conoscessi un po' d'inglese, imparerei le cose sbagliate guardando i film in lingua originale mi sa -.-

Pic

Il film è molto bello, e tratta un argomento che col razzismo ci va a nozze: l'uso di servizi igienici diversi tra i bianchi e le loro badanti di colore. Ovviamente con la scusa dei bagni, si parla appunto di razzismo in generale, di umiliazioni subite dai neri, di trattamenti diversi e discriminanti e di voler far credere che esistano inferiorità e superiorità umane dovute al colore della pelle.
Le protagoniste direi che sono due: la voce narrante che sarebbe una delle badanti di cui verrà raccontata la storia, e la bianca buona nonchè scrittrice che vuole pubblicare un libro con i racconti di umiliazioni subite dalle badanti nere per far avere loro un riscatto ed un futuro migliore, si spera.
Il finale è agrodolce.
Lo consiglio a tutti.

Parlando sempre di film che ti fanno pensare, grazie a Ssdery ho conosciuto e visto This is England, un bel film molto ma molto inglese da cui poi sono state tratte due serie televisive che non ho avuto il piacere di vedere, ancora


Pic

Mi ha messo molta tristezza quel film.
Anche questo parla di razzismo, seppur nascosto dal patriottismo.
Ahimè, spesso i due termini sono sinonimi.

Per finire, ho visto Benvenuti al Nord


Pic

Il primo mi è piaciuto, il secondo anche.
Nient'altro da dire.


9 commenti:

Faith ha detto...

Nel film non é inglese di altri tempi, é l'inglese di chi non ha studiato. Serve a evidenziare la differenza di ceto tra le cameriere/badanti e le famiglie bianche.

Guardare i film in lingua originale, leggere i libri in inglese serve a farsi l'orecchio, ad imparare espressioni di uso comune intraducibili in italiano, etc... Non tanto per imparare la grammatica

BIBI ha detto...

Ciao Giuli, sono Beatrice. Ogni volta che guardo Mean Girls voglio chiamare mio figlio Glenn Cocco :)

Ale e Edu ha detto...

Ma è un amore il tuo blog....e MeanGirls per me è un cult salva serata!

ellevibi ha detto...

Ma lo sai che anch'io adoro Pippi Calzelunghe? :-) E' unica ed inimitabile.
"The Help" è nella mia wish list dei libri però. Quindi ho saltato quello che hai scritto per non avere anticipazioni ;-)
E "benvenuti al nord", sebbene mi sia piaciuto , l'ho trovato un po' sottotono rispetto a "benvenuti al sud", forse perchè lo schema era ormai noto. Comunque carino, concordo.
Mi attira per ovvi motivi il libro di ci hai parlato all'inizio. vedo se c'è in biblio!

Cupcakes ha detto...

Faith, grazie per l'informazione, in effetti non ci avevo pensato affatto, soffermandomi solo sul fatto che stavo guardando un film inglese in cui dovevo provare a capire più parole possibili =)

Bibi, ma sei attentissima!

Ale e Edu, ma <3

LVB, adesso rispolvererò anche Il giornalino di Giamburrasca, che insieme a Pippi mi ha tenuto compagnia per tutta la mia infanzia!
Spero che troverai il libro in biblioteca, perchè trovo descriva molto lucidamente i pensieri di una persona malata di anoressia.

Faith ha detto...

Cup, scusa se sono stata un po' brusca, ero di fretta!

,heartbeat ha detto...

Mean Girls... avrei piacere a rivederlo ahah :D

Neofanta ha detto...

Ora sono curiosissima di vedere "This is England"... Ma hai saputo di quel programma inglese che denigrava la Grecia "A week in Greek"? E la risposta dei greci, "A week in Brit" (che si trova ovviamente su Youtube), è stata tremenda!
Saluti, Neofanta

Neofanta ha detto...

Mh, alcuni filmati si intitolano "Go Greek for a week" e "Go Briish for a week", comunque le polemiche non mancano da entrambe le parti!
Neofanta