16 luglio 2012

Lunedì 16 Luglio 2012


Pic

Manca una settimana esatta al mio compleanno... quindi manca una sola settimana anche al mio prossimo sgarro.

Questa storia della dieta mi ha leggermente fatto perdere il controllo.

La seguo così bene che, mentre prima attendevo con trepidazione il giorno di libertà alimentare, adesso lo temo.
Finchè non arriverò al mio peso forma, e cioè mai, non credo riuscirò a sgarrare senza avere un senso di colpa che si protrarrà per i tre giorni successivi allo sgarro.

Oramai mangio meccanicamente. Con piacere, e alimenti che mi piacciono molto, ma pur sempre meccanicamente.

Partiamo appunto dal fatto che non raggiungerò mai il mio peso forma di 70 chili.
Non lo dico per essere negativa.
Nonostante le restrizioni alimentari che sto facendo per perdere il più velocemente possibile questi ultimi chili, so che a Londra ci arriverò ad un minimo di 75 chili e forse anche qualcosa in più.
Arriverò lì e, ovviamente, cambieranno subito le mie abitudini alimentari.
Farò sin dall'inizio una spesa sana, ma non sarà facile seguire una dieta dimagrante e non solo un mantenimento.
Ora, mi pare logico che cinque chili non facciano la differenza mentre un po' di sport e tonicità in più invece aiuterebbero il mio corpo ad armonizzarsi (difatti quando troverò un lavoro e avrò degli orari, mi iscriverò subito in palestra o piscina o me ne andrò a correre costi quel che costi), ma non posso fare a meno di pensare che dopo tutti i sacrifici fatti, arrivare alla meta finale non è che mi farebbe schifo, va.
Non sto bagnandomi prima che piova e so che tutto è possibile, ma ho semplicemente questa sensazione di semi sconfitta che non mi farà arrivare alla meta anche se mi ha fatto comunque ottenere enormi risultati.

Peso 79 chili per la cronaca.
Non vedevo il numero 7 da dieci anni, e cioè da quando avevo 15 anni.
Sono davvero fiera e siddisfatta del mio percorso, ma la negatività sta dietro l'angolo.
Chi mi dice che i pantaloni taglia 54 non vadano messi in valigia? Chi dice che i cardigan dove ci entrerei per due volte non vadano portati dietro?
Chi mi dice che non ingrasserò di nuovo e che quindi potrò fare a meno di vestiti extralarge?
Chi mi dice che questa è la volta buona dopo dieci anni di sgonfiamento e reingrassamento?


Ecco, io temo che mangiando normalmente, e per normalmente intendo seguire l'attuale alimentazione dietistica ma con tempi e orari diversi magari, o con condimento diverso o gusto diverso, io possa ingrassare di nuovo. Ad esempio il tofu affumicato ha più calorie di quello al naturale ma io per cambiare vorrò inserire anche quello nella mia alimentazione, ed inoltre io e Dani convivremo e certamente non preparerò due piatti diversi per me e per lui ma ci verremo incontro a vicenda.
Ecco, questo sarà un mantenimento al massimo (e neanche, e è per questo che sono spaventata!), e gli ultimi cinque chili come faccio a buttarli giù???
E se inizio la palestra, come faccio a non disperarmi se i numeri della bilancia salgono? Non sono brava a guardare il mio corpo, sono brava a guardare la bilancia.
I pantaloni non dicono la verità, la bilancia sì.
E non ditemi che dai vestiti si vede la differenza. Si vede se perdi venti chili, non se ingrassi o tonifichi di un paio di chili. A me i jeans attuali stavano uguali anche due chili fa, e staranno uguali anche tra due chili.

Amiche mie di dieta e non, voi che ci siete passate soprattutto... aiutatemi.
Raccontatemi la vostra esperienza.
Ve ne prego, sto impazzendo -.-

Ps: La paranoia dello sgarro viene dal fatto che temo di ricadere nel vortice del cibo. Oppure penso che comunque, anche se non combinerò danno, il peso resterà certamente fermo per almeno una settimana dopo i pasti liberi.

.

38 commenti:

Anonimo ha detto...

Gioia mia, te ne stai andando a Londra, mica in Culonia! Se per il momento ti fa stare meglio, rinuncia ad assaggiare le novità e continua a seguire esattamente la dieta di qui, condimetni inclusi, e anche orari, perché no? Non mollerai, e sai perché? Perché per la prima volta dopo tanti anni hai preso in mano la tua vita, stai cambiando città, meglio!, nazione, stai realizzando un sogno, con il coraggio che in pochi hanno di abbandonare certezze e comodità. Che vuoi che sia perdere 5 kg per una tosta come te? ;) E poi, esiste sempre la possibilità di andare da una nutrizionista del posto per farti consigliare e variare alcuni cibi.
Forza Giulianina, stai spiccando il volo, non ti può fermare proprio niente se smetti di autosabotarti!
Helter Skelter

Neofanta ha detto...

Cup, scusa ma ti faccio notare che a Londra, col freddo più intenso dodici mesi l'anno e col fatto che farai uno o forse due lavori, brucerai anche molto di più rispetto a questi ultimi mesi. Se ci metti anche un po' di corsa e palestra, anche meglio. Potrai fermarti sui 75 per qualche mese, ma non certo riavvicinarti al punto di partenza. Dall'ultima volta che hai visto il 7 a sinistra del display della bilancia (se elettronica), sei cambiata e cresciuta molto, dai!
E basta pensieri negativi sulla dieta, quando per il resto ne hai di positivi!
Saluti, Neofanta

Anonimo ha detto...

Purtroppo non sono la persona adatta a dare consigli in materia perchè il mio peso forma non l ho mai raggiunto, ma per quanto possa servire ti faccio i miei auguri di riuscirci, "BASTA SOLO" un po di forza di volontà! ^__^

V.

Anonimo ha detto...

o gran caca

Anonimo ha detto...

se continuerai a seguire la dieta non li riprenderai...mangiare tu e il tuo ragazzo le stesse cose per me è sbagliato, ti porterà a sgarrare e riprendere peso con schifezze varie, devi continuare a mangiare come fai qui più o meno..

Anonimo ha detto...

io sono stata una settimana a praga e ho preso 4 kg.. -_- e pensa che credevo di mangiare light! ma li è stato impossibile, davvero! ogni cosa era intingolata con almeno 5 tipi di burro! -_- a londra ti va sicuramente meglio! dai che ce la si fà.

baci

ilaria.

Anonimo ha detto...

Non devi necessariamente sgarrare per il tuo compleanno. Visto che non ti pesa e mangiare come stai facendo adesso ti fa stare meglio non sgarrare. Magari concediti qualcosina, ma giusto un assaggino

お菓子 Okashi Lau ha detto...

io ti dico solo che riguardo alla dieta, al peso e compagnia bella io sono super depressa: sono a dieta da marzo e ho perso un solo kg.
Ultimamente, visto che la dieta non ha gli effetti sperati, mi sono concessa qualche sgarro e in men che non dica sono tornata al peso di marzo.
Una disperazione.

Io penso che se andassi a vivere a Londra sarebbe la fine per il mio peso... lì sappiamo benissimo che si mangia male e poco sano e la tentazione di mangiare schifezze è tanta.

Dico solo questo... tu sei troppo brava! Io sono una disperazione :-(

Anonimo ha detto...

ciao, come ti ho scritto in pm e' qualcosa a cui stare attenti, se si mangia senza pensare si ingrassa perche' il cibo economico e il cibo locale (un paese che si inventa la barretta di mars fritta, per dire) fa ingrassare. E la birra. E le patatine.
MA.
mangiare fuori costa, quindi se tu e Dani avete un budget vi ritroverete a mangiate in casa spontaneamente
la ragazza britannica media e' piu' rotonda di quella italiana - e si veste (almeno apparentemente) totalmente a caso. Una botta per l'autostima.
prodotti di nicchia in Italia (il tofu affumicato, wow) sono diffusissimi e (in proporzione) secondo me piu' economici in UK.
fara' freddo e camminerai tutto il tempo cercando casa e cercando lavoro. montagne di calorie in fumo.
Ottimismo :)
Gio (UK)

Anonimo ha detto...

sono proprio le paranoie del "il tofu affumicato ha più calorie di quello normale...." che fanno capire che non sei sulla strada giusta. e pure il fatto che stai cercando di restringere a tutti i costi la tua alimentazione per perdere 5 chili prima di londra lo fa capire. smetti di mettere il cibo e le calorie al centro della tua esistenza, smetti di preoccuparti di perdere tot peso alla tot data. Il grosso l'hai fatto, ma il difficile arriva adesso, gli ultimi chili sono difficili e pure il mantenimento lo è, visto che dura tutta la vita. se la smetti di ossessionarti, forse non fallirai. ma ragioni in modo totalmente sbagliato su questo versante, scusa se te lo dico. non basta mangiare tofu e melanzane.

Anonimo ha detto...

guarda che 5 chili in più o in meno, su di te, non fanno molta differenza. pensa a non fallire a londra, quella è una cosa importante. e pensa che la faccia da chiulo che hai rimarrà la stessa tutta la vita. 5 chili sono il nulla a confronto.

Anonimo ha detto...

Metti già le mani avanti per pararti il culo perchè sai che a londra te ne sbatterai altamente della dieta ed ingrasserai di nuovo?

Veronica ha detto...

Ciao Bella, e' un po' che non scrivo ma ti leggo sempre! Penso anche io la stessa cosa di altre ragazze qui sopra, devi considerare che a Londra lavorerai, ed e' ovvio che questo fa bruciare calorie! Lavorerai e magari sarai su e giu dai mezzi, tra cambi, e spesa, e comissioni.

saluti da HK!

clockworkfairy ha detto...

Ogni tanto smetto di lurkare per uscire dal mio antro. Stai tranquilla per quanto riguarda Londra e la tua dieta. Ho vissuto in questa splendida città per quasi tre anni e all'inizio anche io ero terrorizzata all'idea di non poter continuare la mia dieta. Poi ho scoperto parecchie cose. Intanto che si cammina così tanto che si smaltisce veramente assai e, cosa ancora più fantastica, che i supermercati pullulano di cibi adatti a chi è a dieta. E' il paradiso del cibo light. Ricordo persino che ci fosse il Muller super light e anche le marche locali tipo il Tesco hanno le loro brave linee leggere.

Anonimo ha detto...

conserva i vestiti extralarge, non si sa mai... in Inghilterra si mangia da skifo lì sarà la prova del 9 x il tuo peso. In quanto alla palestra, prima inizi e meglio è. Ti tonificherai solo con esercizi mirati e con le endorfine a mille avrai sempre il buon umore e voglia di andare in palestra.
Per la mia esperienz aposso solo dirti ke il peso è un numero sulla bilancia, lo star bene con se stessi fisicamente e mentalmente è cosa ben diversa. Io da quando sono in forma sto meglio con me stessa, con gli altri e prendermi cura di me mi mette di buon umore, poi se c'è qlke sgarro si recupera. Una dritta: se fai un giorno di sole proteine (x es. colazione con latte scremato senza carboidrati da fette biscottate o altro, oppure prosciutto e basta,pranzo con 150 g di petto di pollo un'insalata di lattuga scondita, cena con 150 g di pollo o pesce e sempre lattuga di contorno)vedrai ke peserai 1 kg tondo tondo in meno, ma solo se lo fai x un unico g e senza nessun sgarro. Alla fine è tutta questione di buon senso, se sgarri recuperi e x l'umore nn crucciarti x 1 pizza o x qlke cosa ke ti piace. Mangia qlke ti va magari un solo g a settimana, con me ha funzionato. Io ho conservato tutti i vestiti. Pe rperdere 5 kg corri, nuota, balla, fa sesso...divertiti e mangia sano!
bybl
ciàcià

Kanachan ha detto...

"la paranoia dello sgarro viene dal fatto che temo di ricadere nel vortice del cibo".
Faccio mie queste tue parole, perchè è la paura più grande che ho! anche adesso che comunque risulto essere normopeso, che sono scesa comunque sotto il peso che mi aveva indicato il dietologo (70-72 kg) cerco sempre di controllarmi, magari rinunciando anche a qualcosa e ritrovandomi quasi a fare l'asociale... io ho rifiutato a partecipare ad uscite in cui, oltre alla compagnia non esaltante, sapevo ci sarebbero comunque stati cibi non idonei alla mia dieta!
non ho mai vissuto all'estero, purtroppo, per cui non ti so dare tante indicazioni su come organizzarsi con la dieta ecc... sono stata a febbraio a Madrid per 6 giorni, mangiando quello che capitava (non lesinando comunque sui mc donald's o sulle catene che vendevano bocadillos o sulle colazioni ipercaloriche della pasticceria sotto l'albergo) e al mio ritorno non ero ingrassata di un etto, visto che comunque abbiamo camminato per giorni... sono stata a Brno per lavoro 3 giorni, anche qui mangiavo quel che capitava, e la cucina ceca non è propriamente light... si stava tutto il giorno ad ascoltare conferenze, ma anche qui sono tornata a casa che pesavo come prima... tutto questo per dirti che ce la puoi fare... come ti hanno detto le altre, da tesco o negli altri supermercati si trovano tanti prodotti light che in Italia ci sogniamo... camminerai poi tantissimo... e se riesci a iscriverti in una palestra... è fatta!
un abbraccio... e scusa come al solito il commento lunghissimo!

Anonimo ha detto...

obesa

Cupcakes ha detto...

Ciao a tutti, e grazie per gli incoragiamenti di cui ho davvero bisogno in questo momento.

Ho già fatto vari giri di ricognizione nei supermercati inglesi, e quando mi trasferirò farò da subito una spesa sana, senza spendere e spandere in fast food. Mi prenderò mezz'ora di tempo al giorno e il pranzo me lo porterò da casa anche quando andrò in giro per la consegna dei curricula, quindi non c'è pericolo di fermarsi a mangiare schifezze.

I supermercati sono tali e quali ai nostri, ed anzi hanno prodotti "esotici" a prezzi ottimi (dove per esotico intendo tutto ciò che da noi viene visto come alieno, come ad esempio i prodotti di soia).

So anche che mi muoverò molto di più, che gli orari cambieranno e che avrò ben poco tempo per la nullafacenza o l'ingozzamento veloce.

Tutto ciò non toglie il fatto che la mente è un filo di capello e che non si sa mai come potrebbe reagire al cambiamento, magari accumulando stress e preoccupazione.

Ovviamente, chiederò a Daniele e ai miei amici di lì del supporto morale, e sono certa che mi aiuteranno anche loro.

Metto in conto anche l'acquisto di una bilancia da tenere in casa (anzi due bilance. Una pesapersona, l'altra pesaalimenti) fin dai primi tempi. Mi servirà per tenermi sotto controllo.

La dietista continuerà a seguirmi e ci sentiremo tramite email. Mi ha già detto che dovrò spedirle le foto delle tabelle nutrizionali degli alimenti su cui avrò dei dubbi, e così mi suggerirà quantità e condimenti o abbinamenti da fare con ogni alimento nuovo.

Lo sgarro del compleanno lo farò perchè il mio compleanno è un giorno sacrosanto che voglio trascorrere in libertà, anche alimentare.
Non vedo l'ora di gustarmi gelato o granita a colazione e pranzo e cena coi fiocchi!

Ho iniziato un percorso che voglio portare a termine, e se non lo raggiungerò col peso in chili, lo raggiungerò almeno con la testa!

Steve ha detto...

Muah ... ah ah ah... AH

Ciamby... in questo momento sto contemplando la foto del tuo braccio flaccido e grasso trapunta di spilli... muah ah ah ah .. ammappala quanti spilli .. sembri quasi un puntaspilli.

Li senti .. lurida ciambellona sovrappeso ?

Cosi' impari a trattare male i tuoi commentatori.

So gia' che a Londra ti ingozzerai di cupcakes.. oramai ti conosco bene.. e diventerai sempre piu' grassa e sovrappeso. E Daniele.... uah ah ah ... povero Daniele con una balena come te.. non fara' altro che cornificarti con una biondina magra ed atletica britannica stile "Spice" con due poppe cosi' !

Mi spiace Ciamby .. la macumba te la sei voluta .. ed ora te la becchi! Muah ah ah ah ah...


Steve

Cupcakes ha detto...

-.-

Anonimo ha detto...

Ma la storia che qua si mangia da schifo e' una stronzata che - a quanto mi racconta mia madre - era vera negli anni '70...Ora volendo si mangia piu' "sano" che in Italia e spendendo uguale (o meno).

E anche se sei fuori, e' pieno di opzioni light ed equilibrate (tipo un'insalata verde col pollo alla griglia gia' bella pronta e scondita da Pret o in qualsiasi posto la si trova)

Insomma, tutto sta alla tua scelta, perche' - certo - le tentazioni ci sono! Ma ce la puoi fare :)


LS

Anonimo ha detto...

Qui c'è qualcuno che ha bisogno di un t.s.o.....

Steve ha detto...

Qui c'è qualcuno che ha bisogno di un t.s.o.....


Esatto "anonima delle 18:22" ... e quella qualcuna e' proprio la nostra ciambellona grassa .. beccati questo !

Uah ah ah ah ...

Muuuua h HA ah HA AH AH AH HA !!!!


Steve

Anonimo ha detto...

PS: i pantaloni dicono la verita', la bilancia e' solo la schiavitu' di un numero.

LS

Cupcakes ha detto...

LS , la storia che in Inghilterra si mangi male in effetti non l'ho mai capita neanche io.
Come se noi non avessimo i fast food. Oppure, come se noi fossimo gli unici ad avere frutta e verdura nei banconi del supermercato.
Per i chili e la bilancia... hai ragione.
Prima o poi riuscirò a superare questo scoglio, ne sono certa.

Elisa ha detto...

Giuli, da quest'ultimo tuo commento sembri ultra serena e sembri quasi trovare sciocchi i suggerimenti che ti ha dato la gente... Ma non li hai chiesti tu? Non hai chiesto th aiuto? Trovo che ti abbiano fatto degli appunti intelligenti, in particolare quello in cui ti si faceva notare che se pensi che mangiare il tofu affumicato possa farti ingrassare sei fuori strada. Io credo che i tuoi timori siano più che validi e non abbia senso ora nasconderli sotto una coltre di certezze improbabili tipo "mangerò sano senza sgarri", "mi porterò il cibo da casa" eccetera, perchè è molto difficile mantenere le abitudini che hai ora anche là per il semplice fatto che dovrai lavorare, avrai pochissimo tempo, e pochi soldi. Secondo me dovresti accettare l'idea che si possa condurre una vita sana anche mangiando qualche schifezza ogni tanto, e che il fatto di mangiarti una fetta di torta quando non è prevista non manderà a monte una dieta di mesi.

Anonimo ha detto...

Certo Steve, certo tranquillo non ti agitare...una dose di aloperidolo e passa tutto

Cupcakes ha detto...

Elisa , non capisco a cosa tu ti stia riferendo, se all'ultimissimo commento o al penutimo.
Ho scritto che trovo insensato il pensiero che in Inghilterra si mangi male, perchè i supermercati inglesi ed i ristoranti inglesi sono tali e quali a quelli che ci sono qui.
Sui consigli alimentari ricevuti invece ho ringraziato chi me li ha fatti e li ho trovati sensati ed utili.
Non credo che non sgarrerò mai una volta lì, o che non pranzerò mai fuori casa, però credo che sarebbe meglio evitare di combinare danno già dal principio, soprattutto se voglio perdere gli ultimi chili.
Quando invece i chili li avrò persi tutti, col mantenimento potrò sgarrare più spesso, anche una volta la settimana, e potrò aggiungere calorie introducendo alimenti che ADESSO che sono in fase di dimagrimento mi sono vietati (tipo il tofu affumicato, che contiene un bel po' di calorie in più di quello classico... e ora come ora anche cento calorie in più al giorno non sono contemplate se voglio perdere peso).

è lo scoglio degli ultimi chili da perdere quello che sto provando a superare. Il mantenimento sarà molto meno paranoici poi!

Steve ha detto...

Muah ah ah ah ....

povera illusa .. se spera di mantenere le stesse identiche abitudini alimentari sicule .. uah ah ah ah AH AH AH AH

Ci faremo un sacco di risate alla facciaccia tua !

UAH AH AH AH AH !

Steve

Anonimo ha detto...

Steve, fatti vedere, ma da uno taaaaaaanto bravo....

Steve ha detto...

Lurida anonima delle 19:34

se proprio devi insultare potresti almeno mettere uno straccio di firma.

Fai proprio pena.


Steve

Anonimo ha detto...

Ma chi ti ha insultato? Il mio era un semplice consiglio. Il tuo "lurida", invece... suonava un tantino offensivo... Come diceva qualcuno: people are strange. Vuoi fare la macumba anche a me?

Anonimo ha detto...

il mio problema coi supermercati inglesi e' che la scelta di cibi pronti rispetto ai freschi e' moltomoltomolto maggiore. Quindi se quando uno fa la spesa compra solo cose fresche da cucinare, e poi fa da mangiare a casa, allora si e' uguale all'italia.
pero' qui trovo (e compro) cose che in italia non troverei. Stasera pezzi di pollo impanato da mettere nel forno. Che pollo e' (un qualche ricomposto di scarti, sicuro), cosa sono le finte briciolone arancioni in cui e' impanato, e se il pollo e' il 70% e l'impanatura il 15%, cos'e' il resto? E' condito? Queste domande dovrei farmele. Il banco dei prodotti pronti da scaldare e' grande tre volte quello Italiano, e se prendo qualcosa li, e magari in offerta, faccio cena in 10 minuti. Poi i prodotti freschi, parliamone. Frutta dura come palle da tennis 'da far maturare a casa tua nella fruitbowl'; eccerto, chissa' che buona. pomodori che non sanno di niente a 8per60centesimi, o pomodori fantastici e saporiti a 3Pounds per 4 pomodori? Perche' poi anche quando cucini, se fai cose italiane e i gusti ti vengono diversi perche' gli ingradienti base sono diversi (tagli di carne con nomi strani, verdura di cartone) allora ti abbatti. E dici, cucino qualcos'altro allora, qualcosa di nuovo. Cucini un pollo al curry e tra trovare gli ingradienti e cottura ci metti 2 ore. Non hai due ore tutte le sere. Pentolone di pollo al curry con cui mangi una settimana? O simpatiche monoporzioni di pietanze pronte.. e siamo daccapo.
Sono in UK dal 2005 e credo di aver trovato un mio equilibrio, di sicuro sono pigra io e non ho tempo e voglia di cucinare sano e all'italiana. Pero' le opzioni tentatrici al supermercato non aiutano. C'e' anche da dire, grandi spazi nei supermercati per le opzioni weight watchers, per i prodotti da celiachi, quelli senza glutine.. l'accesso ai prodotti da dieta e' maggiore che in italia. E' che l'accesso alle schifezze e' maggiore anche lui!
Gio

Cupcakes ha detto...

Giò , effettivamente non è molto allettante l'idea di stare un paio d'ore davanti ai fornelli dopo otto o dieci ore di lavoro, e non credo che né io e te potremmo mai farlo se non in un giorno off.
Io anche qui mangio un sacco di verdure surgelate, e il sapore spero non cambi tra surgelati che vendono qui e surgelati che vendono lì.
Oppure, persino qui che è la patria delle arance arrivano arance indiane e frutta straniera, e credo ci sia anche lì, no?
Certo, abituarsi non sarà facile, e soprattutto non sarà facile vincere la pigrizia da "butto tutto dentro il microonde", ma da qualche parte si dovrà pur iniziare per mangiare in maniera sana, no?
E tu ne sei la prova. Se in sette anni lì riesci a non rotolare vuol dire che ci sei riuscita!

Steve ha detto...

Mi inserisco con un commento "serio".

Guarda che se hai intenzione di continuare con una dieta fondamentalmente di tipo vegetariano non dovresti avere problema.

L'insalatina fresca di tutti i tipi si trova ovunque, cosi come le erbe, gli aromi, cipolle, aglio, sedano, mais, pomodori, riso, zucchine, melanzane, etc etc

Quindi alternando tra insalate fresche, riso e pasta direi che puoi evitare le "schifezze" gia' pronte.

Lascia perdere la carne, il pollame, il pesce etc etc... rimani sul vegetariano che vai tranquilla.

Steve

FrencyMammaStrega ha detto...

Gli ultimi chili sono i più difficili, Giuly. Lo vedo anche io.
Però secondo me è fondamentale, invece, che impari tu stessa a mangiare normalmente con porzioni giuste.
Io non cucino diversamente per me e i miei bambini, ad esempio. Mangiamo solo porzioni diverse.
Questo mi permette sia di non passare ore ed ore ai fornelli, sia di gestire qualsiasi situazione, perchè non mi scombussolano abbinamenti diversi.

Mangia come mangerai per tutta la vita, cioè cibi NORMALI ma in porzioni diverse. Non c'è altro modo per non riprendere i chili...

Theallamenta ha detto...

Ma Cup, non è vero che ci metti due ore a preparare una cena... non ce le metto io che faccio sempre cereali integrali e il cielo sa quanto sia lunga la cottura... :)
è questione di organizzazione, ci sono cose che puoi fare tranquillamente alla sera per il giorno dopo mentre guardi la tv.
o ci sono cose che metti su e lasci lì mentre fai altro, vedrai che ce la fai!
se hai bisogno di consigli culinari sai dove trovarmi :)

Ladra di Caramelle ha detto...

1) I vestiti non te li bruciano mentre sei via, quindi nel caso (ma speriamo di no) puoi portarteli via quando vieni a farci visita in Italia.

2) A Londra è molto più freddo che da te, le distanze sono maggiori, non hai l'auto. Il che significa che molto probabilmente dovrai usare mezzi pubblici e per quanto siano organizzati, secondo me della strada a piedi ne farai parecchia (anche per mera curiosità del posto nuovo) e quindi non penso avrai problemi a mantenere la linea anche se ti capiterà di sgarrare :)