3 marzo 2013

Domenica 3 Marzo 2013

Avete presente quando allo specchio vi vedete in una certa maniera, poi qualcuno vi scatta una foto e capite invece come vi vedono gli altri?

Ieri mi è successa una cosa simile ma non vedendomi attraverso una foto.

Ero a cena fuori con amici, mi alzo per andare in bagno e camminavo con uno specchio nella parete di fronte, per cui ho visto me stessa in movimento.
Ci mancava poco che mi sentissi male.
Ero e sono enorme, e non lo dico tanto per dire.
Forse era trascorso molto tempo dall'ultima volta in cui avevo percepito me stessa così, come un ripugnante ed immondo spreco di spazio, ma è successo.
Non ricordavo di essere stata così l'ultima volta in cui il mio peso era di circa cento chili.
Non ricordavo di essere mai stata così veramente.

E' difficile da spiegare.
Non ho solo visto me stessa grassa rimandendoci male.
Ho visto me stessa mostruosamente enorme. Ingombrante. Imbarazzante.
Ho visto l'umiliazione di una cicciona impossibile da non notare.

Quando sono arrivata a Londra ho comprato una bilancia. Pesavo cinque chili in più rispetto ad un paio di mesi prima, ma li avevo riacquistati negli ultimi giorni catanesi.
Avevo una bilancia, non avevo scuse.
Vedevo ogni mattina il mio peso salire, ed ogni mattina mi ripetevo che alla fin fine erano solo cinque chili, mica i venti di un anno prima.
Nonostante la bilancia e nonostante la conoscenza del mio peso, ogni giorno acquistavo qualcosa in più.

Non è accettabile la consapevolezza quotidiana del mandare tutto a rotoli e, nonostante ciò, il mandare tutto a rotoli.

Non posso accettare la pena che mi sono inutilmente inflitta.

Non posso accettare il non aver avuto neanche un motivo valido per rovinare la mia vita e la mia salute così. E la mia autostima, e la mia certezza di essere diventata ciò che volevo diventare. E la mia felicità.

Non posso semplicemete accettare di aver sbagliato, perchè l'errore è troppo grosso.
E' imperdonabile.

E sì, lo so che se ce l'ho fatta una volta posso farlo di nuovo, che gli errori si commettono, che si può sempre risolvere la situazione, che ho cambiato vita, che ho orari strani, che ho dovuto affrontare solitudine e via discorrendo, ma non esiste neanche una VERA giustificazione al mio comportamento.

Mi sono rovinata la vita.

.

28 commenti:

Strega ha detto...

ti capisco gioia, anche io provo queste cose guardando me :( sto cercando di dimagrire, ma è dura perchè è faticoso dover rinunciare così alle cose buone della vita, e essere perennemente a dieta :( ti abbraccio gioia <3

letix ha detto...

non arrenderti!
è una lotta continua ed estenuante e il forte dolore che vivi nel percepirti oggi è il nemico principale. Sei riuscita un milione di altre volte. Non è diverso, ritroverai il controllo e la stima di te. Lo dico a te e lo ripeto a me stessa. Anch'io sto assistendo alla graduale ascesa del peso, giorno per giorno. E' solo un paio di kg...sono solo 2 kg e 8, poi il doppio per poi svegliarsi tutta in una volta. si muore dentro, ogni volta che ci si trova di fronte a una prova di forza. Si affoga nei " tanto ormai" e "cosa vuoi che cambi" e invece si va sempre un pelino più in basso. Però non piangerti addosso. Stai vivendo un cambiamento forte, spesso certi automatismi ritornano sempre. Aspetto di leggerti guerreggiante al più presto possibile.
Un abbraccio
Letix

Anonimo ha detto...

ciao Cup. E' davvero difficile cercare di commentare questo post senza cadere nelle banalità e nelle frasi fatte e soprattutto è difficile sperare di risollevarti con un commento di una sconosciuta, ma ci provo lo stesso. Non ho i tuoi stessi problemi col peso, ma so cosa significa vedere se stessi regredire invece di fare progressi. Ti sembra che niente possa andare avanti per il verso giusto e ti senti ancora peggio quando ti rendi conto che sei tu la causa dei tuoi problemi e non ci sono più giustificazioni. L'unica cosa che posso augurarti è che tu trovi la forza di risollevarti, in te stessa, in Daniele, nella vostra nuova vita insieme. Non essere troppo severa con te stessa e continua ad insistere per perdere peso e stabilizzarti. Lo so che una cosa è dirlo e un' altra è farlo, ma non è mai troppo tardi per risolvere i tuoi problemi. Dai Giuliana!
ClairedeLune

ellevibi ha detto...

Ciao Cup, bentornata :-)
Non puoi essere così intransigente con te stessa prescindendo dal fatto che non hai (non abbiamo...) un rapporto sano con il cibo.
Sarebbe come rimproverare uno zoppo perchè non cammina abbastanza veloce.

Non hai giustificazioni, è vero, ma hai un problema con il cibo e questo è il motivo per cui sei riingrassata. Non perchè sei sciatta o senza volontà.
Accetta questo dato di fatto e appena te la senti riprendi un regime alimentare controllato, che al di là del dimagrimento, ti fa comunque essere più serena (l'hai anche scritto una volta).

Forza, stai facendo un sacco di cose anche se a te sembra di non fare nulla, perchè come disse qualcuno "La vita è quella cosa che ci accade mentre siamo occupati a fare altri progetti". ;-)

Veronica Zoccheddu ha detto...

Quoto Ellevibi in tutto. Certo c'e' stato un "concorso di colpa" da parte tua, ma alla base del tuo aver ripreso i chili persi c'e' un grosso problema col cibo, e questa non e' cosa che si risolve con una dieta. hai detto di esserti rimessa a dieta, ok, ti fa bene soprattutto a livello di salute piuttosto che estetica, ma forse dovresti rivedere anche le tue priorita e pensare che certi tipi di regime non fanno per te, che puoi convivere con un certo peso e un certo corpo rendendolo sano.
e qui mi fermo, purtroppo non ho grande esperienza dunque non voglio darti consigli azzardati oltre a questo, e comunque forza.

Anonimo ha detto...

Il "controllo" che ti viene consigliato non mi sembra un'ottima idea, dato che ormai sai perfettamente che ti riporta dentro il solito circolo vizioso. E' vero che dà una forte sensazione di benessere generale, ma quando poi lo perdi stai peggio della volta precedente e allora mi sa che la strada non è quella giusta. La tua riuscita personale la valuti quasi completamente rispetto alla dieta e per quanto capisca il meccanismo di solito porta molto poco lontano.
Intanto comincia a non addossarti colpe o ritenerti vittima di te stessa, poi magari rivaluta il tuo concetto di dieta, che forse è inadeguato rispetto al tuo problema.
Sarò noiosa, ma parlare di "errori", mancanza di volontà e pigrizia, quando oggi esistono altre risposte per chi ha problemi di peso e con l'alimentazione, mi sembra darsi la zappa sui piedi da soli, oltre che non risolvere alcunché.

Anonimo ha detto...

Per Steven: i DCA sono una malattia a tutti gli effetti; dal momento che sono una persona perbene, non ti auguro di soffrirne a tua volta. Però ti consiglio di leggere qualche libro; poi ne riparliamo seriamente.
Per Giulian: adesso, la cosa più importante, è mettere un pò di ordine. Hai presente le pulizie di primavera? Ecco, facciamo la stessa cosa: nella dispensa, in modo che contenga solo alimenti sani (dove sani non sta per mortificanti, perché i biscotti a colazione non si negano a nessuno, come pure un quadratino di cioccolato fondente)e nel tuo rapporto con il cibo. E se poi capita la giornata "no", in cui si mangia tanto gelato? Si adotta il motto di Rossella in "Via col vento", cioè "domani è un altro giorno". Tanto a tua volta sei consapevole che il peso e l'equilibrio alimentare va valutato nel lungo termine. Ergo, non fossilizzarti sui singoli giorni, ma sui progressi del lungo termine.
A neppure 30 anni niente è perduto e, poi, ricorda che a un'unica cosa non c'è rimedio, cioè la morte. Tutti gli altri problemi si risolvono. E te lo dice una che è caduta mille volte e altrettante volte si è rialzata. Forza!

Ellee ha detto...

ciaoooooo :) mi sei mancata, bentornata!!! :) mi dispiace per come ti senti..fatti forza..Io non sono un'esperta di queste cose ma sono sicura che qualcosa si può fare, che non tutto è perduto. Intanto fai bene ad andare a fare le visite mediche quando torni...E poi magari informarti, quando torni a Londra, su dove poter avere un po' di supporto psicologico e dove poter fare un po' di esercizio fisico a costo quasi zero... Londra è una città così grande e così piena di opportunità, sicuramente qualcosa trovi.. prova a cercare su google magari.. bacio!

Anonimo ha detto...

Non ci sono sempre giustificazioni concrete ai nostri comportamenti. Ci sono sicuramente delle giustificazioni, che a mio modesto parere, nel tuo caso,vanno oltre al "ho cambiato orari e città". Nessuno si abbuffa dalla mattina alla sera senza porvi rimedio solo perché è goloso o indolente, c'è sicuramente una ragione/un problema per cui tu ti comporti a questo modo. Ti do un consiglio: inizia a dare la colpa al tuo "problema" e NON a te stessa e appena avrai occasione/soldi/tempo/più padronanza della lingua inglese lavora su quello con qualcuno che sappia fare il suo mestiere.
Anche io spesso commetto l'errore di dirmi "non studio, non faccio niente, ho buttato via mesi interi della mia vita solo perché sono pigra" ma ci devono essere delle ragioni più profonde se mi comporto a questo modo e dovrei lavorarci su anch'io; a me manca solo il coraggio però, e magari qualche soldino in più.
Per quanto riguarda l'immagine allo specchio, so che io parlo di 5-8 chili e tu di 20, ma ti capisco. Ho uno specchio a fianco della scrivania e molte volte, se mi guardo di sfuggita, mi vedo come (forse) mi vedono gli altri e quasi non mi riconosco; mi capita sempre quando ingrasso.
Sono contenta che sei tornata a scrivere e fai bene a non darti scadenze e a scrivere solo quando ti pare, è il modo migliore per vivere il blog nel modo più sereno possibile, senza renderlo ulteriore fonte di stress.
Ti abbraccio, BlackTea

Anonimo ha detto...

Ti capisco. Ci sto passando anch'io. Un abbraccio.

Fede

Anonimo ha detto...

mi sembra di sentire le mie parole...
ero cicciona poi sn passata a 1 corpo filiforme (x fortuna cn tettone annesse) poi di nuovo cicciona e poi di nuovo filiforme cn tettone..poi indovina? cicciona e il bello sai qual è? ke qndo si passa da un "corpo all'altro" non te ne rendi conto e solo le foto o 1 spekkiata cn + attenzione ti fa rendere conto di qnto tu sia ingombrante.. io a qsto punto posso dirti ke è tutta questione di testa, perchè sì si mangia con la bocca, ma la testa, il malcontento, le ansie, le angosce, e paure fanno mangiare ancor di +....bisogna toccare il fondo e poi o si sprofonda o si rislae. E' la mia opinione ed è il punto a cui sn arrivata cn la sxanza di risalire.Speriamo bene, ora mi ingozzo con biscotti e latte.AMEN

ciaociao
bybl
(l'undicesima superstite sul tuo blog)

Florrie O. ha detto...

cup ti prego ti scongiuro non cadere nel solito circolo vizioso del "tanto ormai".
il tanto ormai è la madre di tutte le procrastinazioni, rimpianti e fallimenti.

se fosse un tanto ormai sereno, un chissenefrega, capirei. Ad esempio io che non ho voglia di alzarmi al mattino, me la piglio comoda a truccarmi e penso che "prendo il treno delle dieci, massì, tanto non ce la farei". Ma qui si sta parlando di una cosa che ti angoscia parecchio e ti rende infelice. Tu stessa lo sai, gli errori si recuperano, quindi ora cerca di fare qualche piccolo passo alla tua portata.

Bada bene passi piccoli come il portarsi un pranzo sano da casa o andare a fare una passeggiata nel giorno off, non c'è bisogno di mettersi a stecchetto, ANZI.

Io sono convinta che il pensare a tutti questi piccoli accorgimenti alzerebbe moltissimo il tuo tono dell'umore, perché sentiresti che tu ti stai prendendo cura del tuo benessere. Certo richiede tempo e autodeterminazione, ma non c'è altra via, che io sappia.

Florrie O. ha detto...

madonna mi sono riletta e mi scuso per l'italiano pessimo :P spero si capisca in ogni caso.

Anonimo ha detto...

Da persona che ha convissuto per quasi 10 anni con il tuo stesso problema mi sento di dirti, anche se di certo lo sai già, che a questo punto devi entrare nell'ottica del fatto che il tuo problema ha ben poco a che vedere con l'ago della bilancia. I disturbi alimentari sono subdoli. Puoi anche tenere duro e perdere 20 chili, ma se non risolvi le problematiche che si nascondono dietro tutto questo sarai sempre al punto di partenza.
Anche io ho perso 20 chili e pensavo di stare bene, poi però senza un sostegno psicologico e lontana da casa (proprio come te), nel giro di pochi mesi ho ricominciato a stare male e li ho ripresi tutti e 20 con gli interessi.
Io fossi in te valuterei l'ipotesi di rimandare il tuo trasferimento definitivo al momento in cui sarai guarita del tutto. Lo so che è triste e pensi sia ingiusto (lo pensavo anche io), però se ci pensi... ti conviene più rimandare il tuo sogno di un po', ma iniziare finalmente a STARE BENE, o continuare a stare male senza riuscire a goderti fino in fondo la tua vita??

Ile

Anonimo ha detto...

Ti sei rovinata la vita? No.. ti sei rovinata questi mesi, forse quest'anno, ma non la vita.
Se non vuoi rovinartela tutta la vita torna a tenere duro, se non per quello per tutti gli sforzi che hai già fatto.. Forza!

Anonimo ha detto...

Macché vita rovinata! Giuliana, se posso, quanto pesi adesso?
Se non lo sai, vai a pesarti, scrivi quel numero in numeri giganti su tanti post-it e appendili a ogni angoletto della tua camera. Imponiti di non superare quel numeretto per i prossimi mesi.
Non metterti a dieta, ma vai al primo supermercato che trovi e riempi il carrello di cibi sani, NUTRIENTI ma buoni, mangia tanto, mangia come se non dovessi dimagrire ma come se dovessi mantenere il tuo peso, impara di nuovo ad assaporare il cibo, a godertelo, tieniti per il fine settimana le cose più buone, quelle di cui sei più golosa, così una volta che te le concederai te le godrai fino all'ultima briciola.
Non condannarti, non ricominciare a cercare di perdere peso con una dieta ipocalorica, ricomincia invece a ricostruirti un rapporto normale e pacato con il cibo.
Inizia a volerti bene, esplora nuove cucine, sei a Londra, lì potrai trovare qualsiasi cosa.
Affronta il tuo nemico diventandone amica, impara ad amare il cibo, solo poi, potrai pensare ad usarlo come amico e alleato per un futuro dimagrimento.
Buona fortuna gioia :)

Anonimo ha detto...

Pesa sui 98-99

Pudding Zilvy~♥ ha detto...

Ti capisco... anche io sto cercando di buttare giù i chili di troppo, ma mi abbandono sempre nel cibo. E' molto difficile resistere quando si è golosi e dico sempre "vabbè è solo un cioccolatino che mi può fare?"... Stamattina mi sono pesata e da inizio anno ho messo su peso, mi viene da piangere all'idea di mettermi a dieta perchè so che comunque non sarei in grado seriamente di resistere per più di una settimana....
L'unica cosa da fare è l'attività fisica, ma sono pigra.
Bisogna munirsi di forza di volontà :)
Io ti sono affianco ♥

ps. questo è il mio nuovo account.

Cupcakes ha detto...

Peso sui cento ma va a giorni.

Se mi aveste letto, non vi sarebbe sfuggita la frase "Non ricordavo di essere stata così l'ultima volta in cui il mio peso era di circa cento chili" scritta all'inizio del post.

Sluggard ha detto...

Se non curi il problema che c'è di fondo non dimagrirai mai. O meglio dimagrirai, ma li riprenderai sempre, perché nessuno può stare in eterno a pesarsi i suoi 40g di pane e a seguire la dieta che c'è su un fogliettino.

Il problema non è il carrello della spesa fatto male, né il metabolismo (altrimenti non avresti perso tutti questi chili lo scorso anno).
E' che o stai a stecchetto o ti mangi troppo e male. Come in tante cose di te non riesci a trovare un confortante "grigio".

Su a Londra pensi di poter trovare una psicologa o un'analista che ti possa seguire?
Prima risolvi il problema dentro, poi risolvi quello fuori.

Anche perché perdere e riprendere più di 20 kg nel giro di un anno e mezzo non è cosa buona per nulla, a partire dalle articolazioni a finire dalla pelle metti tutto sotto sforzo e stress. E alla lunga il fatto che pesi 100 kg in sè per sè sarà l'ultimo dei tuoi problemi.

Anonimo ha detto...

Chi ti ha dato una parola di conforto, chi un consiglio, chi il proprio parere... tu intervieni con una sparata acida per rispondere soltanto ad uno dei commenti.
Secondo me non vale nemmeno più la pena perdere del tempo a scriverti qualcosa, stai diventando veramente una cafona. Non è colpa degli altri se ti gira storta la vita in questo periodo eh... ognuno ha i suoi problemi sai...!!

Bah
e quoto Sluggard.

Anonimo ha detto...

veramente oh. l'unica tua preoccupazione è rispondere acidamente su quanto pesi o meno. c'hai proprio la fissa del peso!!! e te ne freghi se gli altri si interessano a te. parole sprecate. se una delle tue lettrici avesse bisogno nemmeno te ne accorgeresti, così presa a pensare se pesi 99 o 100. e loro carine che stanno pure a scriverti consigliarti e confortarti vengono ignorate, mentre un anonimo che "osa" scrivere il suo peso viene subito preso in considerazione. non ti meriti tutta questa attenzione e spero che queste ragazze prima o poi lo capiscano.

Anonimo ha detto...

veramente oh. l'unica tua preoccupazione è rispondere acidamente su quanto pesi o meno. c'hai proprio la fissa del peso!!! e te ne freghi se gli altri si interessano a te. parole sprecate. se una delle tue lettrici avesse bisogno nemmeno te ne accorgeresti, così presa a pensare se pesi 99 o 100. e loro carine che stanno pure a scriverti consigliarti e confortarti vengono ignorate, mentre un anonimo che "osa" scrivere il suo peso viene subito preso in considerazione. non ti meriti tutta questa attenzione e spero che queste ragazze prima o poi lo capiscano.

Cupcakes ha detto...

...

Anonimo ha detto...

eh brava, fai bene a non dire nulla.

Cupcakes ha detto...

Il fatto che io non risponda con i ringraziamenti di circostanza, non sta a significare che non m'importi delle belle parole che ricevo sul blog e non.

Che ci crediate o no.

.

Patalice ha detto...

cribbio ma perché diamine i sei affacciata a quello specchio?
chili o non chili in più in meno in per o in diviso una non si può maltrattare così...
dai ragazza, qualche corsetta in più, un paio di ciambelle in meno, ma soprattutto SERENITA!

Anonimo ha detto...

ciao cup, volevo sapere se nelle tue tube sono presenti tracce di seme