22 giugno 2014

Domenica 22 Giugno 2014

.

Nonostante io odi maledettamente me stessa, nell'ultimo periodo mi sto rendendo conto che i difetti non sono importanti anche se li si nota.
Per intenderci, quando vedo ad esempio una persona con la pelle brutta, la guardo per bene, la noto, e poi penso che comunque boh, non ha realmente importanza, non rende una persona brutta o più brutta. E' un difetto e basta. E lo sto notando con tutti, donne grasse ed obese comprese. Anzi mi sono trovata più di una volta a pensare che nonostante il grasso, da nude non sarebbero comunque questo grande schifo. Sono grasse e basta, e non ci sarebbe niente di strano se qualcuno volesse le trovasse attraenti, o se qualcuno trovasse attrante una persona con un naso orrendo, una persona pelosa, uno stempiato e via discorrendo.

Vorrei sapere perchè non riesco a pensare di meritare qualcosa dato che gli altri secondo me lo meritano.
Vorrei sapere perchè mi viene così facile accettare i difetti ed i limiti altrui ma non riuscire ad accettare i miei.
.

9 commenti:

Anonimo ha detto...

i tuoi difetti li accetti più che bene e questo è il motivo per cui pesi più di 100 kg

Anonimo ha detto...

Concordo con l'anonimo 1. Anche se pesi più di 100 chili pensi comunque di essere una ragazza carina, per questo ti adagi e non fai nulla di realmente concreto per cambiare. Inoltre ti piace mangiare e sei molto pigra. Il problema è che dietro un'apparente sicurezza nel tuo aspetto sei anche fragile e ti fai influenzare facilmente da ciò che vedi in giro (altre ragazze, tv) perciò ti convinci che grassa fai schifo, che i tuoi denti sono storti, il tuo naso a patata, gli occhi a pesce, ecc e allora ti disperi, ma tutto ciò dura poco, perché a questo punto torna il pensiero, forse non consapevole, che in fondo sei carina lo stesso. E poi la dieta costa fatica e sacrifici, e tu appunto sei pigra. Hai tanti problemi mentali e dovresti cominciare seriamente ad occupartene, ma non hai disturbi alimentari. Ti nascondi dietro quelli per giustificare la tua obesità. Devi essere onesta, sarebbe già un primo passo. Continuando a giustificarti continui a rimanere ferma nella tua condizione.

Anonimo ha detto...

Non so, non mi convince questo ragionamento. Secondo me commetti un errore nel definire il tuo problema di peso come un difetto.

A mio avviso ci sono difetti e difetti (poi che uno possa sentirsi bello con o senza è un altro discorso).

Mi spiego, un naso brutto, grosso e gobbo, dei brutti piedi, l'acne o una pelle problematica non saranno mai seriamente ed oggettivamente invalidanti, tantomeno come può esserlo il grave sovrappeso o l'obesità.

La bellezza sarà anche soggettiva ma la condizione di malattia e la possibilità di sviluppare disturbi gravissimi nel tempo è palese e direttamente collegata ad un'alimentazione sbagliata, stile di vita sedentario ecc.

Queste sono le cose importanti. Nessuno è perfetto (e chi se ne frega) piacciamo a noi stessi e alla gente in ogni caso.

Elena

Anonimo ha detto...

Elena, certi tipi di acne sono devastanti, anche psicologicamente, quanto l'obesità. Parlo per esperienza personale...

Anonimo ha detto...

Certo, non lo metto in dubbio.
Molte persone per per difetti meno visibili dell'acne vive malissimo, in uno stato di perenne angoscia e non accettazione di sè. Il mio discorso voleva evidenziare come si commetta spesso un errore, a mio avviso, nel confondere un difetto fisico (includendo sempre la possibilità di conviverci serenamente, fregandosene) e una condizione altamente pericolosa per la salute in senso stretto quale obesità e grave sovrappeso.

Elena

Sabina D'Introno ha detto...

Oh! leggo perle di saggezza ovunque, in merito al peso, ultimamente. I disturbi alimentari non sono solo quelli largamente conosciuti e più evidenti come anoressia o bulimia. Ce ne sono molti altri, e molto più subdoli. Parola di chi ha sentito per tutta la vita dirsi dai medici "devi solo mangiare di meno, sei pigra, fai esercizio". Solo quando qualcuno mi ha veramente ascoltata, io ho intrapreso la strada del dimagrimento. L'iperfagia o altre forme di disordine dell'assunzione di alimenti SONO forme di disturbo alimentare.
Comunque non è che Giuliana si senta una ragazza carina ANCHE SE pesa 100kg. Giuliana è una bella ragazza così com'è, senza subordinate concessive. E se un giorno riuscirà a capire qual è l'elemento che la disturba (di cui il peso è una coneguenza e non la causa) e a dimagrire, buon per la sua salute. Anche se personalmente pure sulla salute non è che giurerei. E' ora che ho messo giù 40 chili (che mi portano comunque a 80-83 chili, non è che sono una silfide) che ho il colesterolo alto e i dolori alle ossa.

Anonimo ha detto...

Finitela di dire che tutte le persone obese hanno disturbi alimentari. Che l'iperfagia è necessariamente una forma di disturbo alimentare. Ci sono persone obese solo perché mangiano male e tanto. E i disturbi, psicologici e fisici, vengono di conseguenza. A volte il male è prima nel corpo e poi nella testa. Non necessariamente il contrario. Altrimenti negli Stati Uniti che c'è ad esempio? Un epidemia di binge eating disorder? Ma fatemi il favore. Non dico non esistano casi in cui l'obesità è una conseguenza di altro, ma non è sempre così.

Anonimo ha detto...

Sabrina mi dispiace per i tuoi disturbi. Io ho tirato in ballo i problemi di salute perchè proprio Giuliana in più di qualche post ha detto di avere dolori, formicolii, problemi alla circolazione e simili che CREDO siano dovuti all'eccessivo peso e allo stress che il suo corpo sta subendo da anni. Le diagnosi e le relative cure le lascio a chi fa il medico di professione ma pure i meno informati sul tema conoscono i rischi di un'alimentazione sregolata. Ti dirò anche che CREDO debba essere questo il campanello d'allarme, non il piacersi, il non piacere agli altri o tutto il discorsetto sui difetti fisici.

Elena

Manu ha detto...

io i miei difetti ho imparato ad accettarli con lgi anni, penso che ogniuno di noi li ha, e va benen così perchè ci rende unici!!!
Uno dei miei motti è pensare sempre in positivo!!!