23 maggio 2012

Mercoledì 23 Maggio 2012

Dopo sei anni di vita bloggeristica, ho deciso anche io di fare un bel post sul What's in my bag.
Non l'avevo mai fatto un po' per pigrizia e un po' perchè effettivamente chi se ne frega di cosa tengo in borsa?, però siccome io ho sempre guardato con piacere e curiosità i contenuti delle borse altrui, ho pensato bene di farvi un resoconto sulle cose che io porto con me di solito.

Dovrei iniziare col mostrarvi la borsa in cui tengo le mie cose, ma le conoscete già quelle che ho e quindi vi risparmio la migliore (mi pare di capire che si faccia con la propria borsa preferita, no?).

Premetto anche che non so usare nessun programma di grafica e quindi non sono neanche riuscita a fare una cosa semplice come mettere i numeretti accanto ad ogni oggetto che propongo, per facilitare la lettura dell'elenco che dovrei fare.

Anche se non si direbbe, la mia borsa è abbastanza ordinata, se non fosse per i fazzoletti sfusi che vi butto dentro e per gli oggetti che appaiono ogni tanto, in base alle esigenze e alle stagioni (ad esempio, oltre a ciò che vi mostro, tengo anche i colliri nell'ultimo periodo).
Tengo quasi tutto in vari contenitori, così mi viene meglio anche travasare tutto di borsa in borsa.

Partiamo dalla panoramica di ciò che ho, dunque


Sembrerebbe tutto in ordine, ma mostrandovi il contenuto, capirete ad esempio che i trucchi sono buttati ammuzzo in tre contenitori differenti. Non ne bastava uno solo?
Specifico anche che questi sono i trucchi da tutti i giorni, quelli base. Non ho una grande collezione di make up, ma a casa tengo gli altri, come gli ombretti e le matite colorate. In borsa porto solo il minimo indispensabile per truccarmi fuori casa per qualsiasi evenienza, anche perchè vivendo da mia nonna, ma tornando a casa il pomeriggio, devo avere i trucchi per la mattina da lei ma deve restarmi qualcosa a casa mia per quando esco la sera.

Partendo da sinistra e andando in senso orario, più o meno, troviamo:

- Bustina con due creme solari protezione 50 (che tengo nel sacchetto perchè più volte mi  si sono aperte, inondando di crema tutto il contenuto della borsa)

- Pochette rosa H&M

- Porta macchina fotografica che era di mia madre negli anni '80 credo, e ai tempi era un porta fazzoletti

- Bottiglietta d'acqua

- Contenitore peluchoso Domokun

- Portafoglio Accessorize

- Bepanthenol

- Portaocchiali

- Bustina portatrucchi Accessorize

Ma vediamo un po' nel dettaglio ogni cosa.

Ho vari occhiali da sole, ma solitamente ne uso solo due, che sono gli unici buoni che ho. Si tratta dello stesso modello di Rayban Wayfarer II, vintage, un paio neri e un paio marroni con lenti verde scuro. Attendo tempi migliori per comprare qualcosa di più nuovo


Passiamo alle pochette.

Quella rosa di H&M scoppia di roba


- Portassorbenti in metallo con stampa Cupcake (trovato in regalo con i Nouvenia)

- Fazzolettini e salviette intime

- Fondotinta, fard, campioncino di fondotinta e pennello

- Mini lima per unghie Peggy Sage, regalo della mia estetista

 In basso:

- Minideodorante Dove

- Igienizzante mani

- Mini collutorio Colgate

- Mini crema mani Nivea

Nel portatrucchi piccolino di Accessorize invece troviamo:


- Pennellino per ombretto Avon

- Matita bianca Essence

- Matite colorate, in ordine Urban Decay rosella, grigia e viola Sephora

- Lipgloss rosso L'Oreal

- Lipgloss trasparente H&M

- Ombretto bianco Kiko e ombretto marrone Gemey (avrà almeno vent'anni... ma non mi ha mai causato allergia o infezione quindi lo uso)

- Specchietto con stampa de La persistenza della memoria mi portò Sabrina da Parigi

Nel contenitore di Domokun, che comprai a Londra la scorsa Estate, tengo proprio l'indispensabile per quando esco. Per intenderci, quando indosso pochette e non borse capienti, porto questo contenitore e ci aggiungo la patente e un po' di soldi


Ha due cernierine. Nel primo scompartimento troviamo

 
- Sigarette (ma fumo solo quando esco, al massimo tre sigarette a settimana. Non sono una vera fumatrice, come ho più volte detto) 

- Accendino 

- Campioncino di profumo Gucci Guilty 

- Dolficicante in compresse (che contiene una fonte di fenilalanina e che dovrei cambiare) 

- Forcina per capelli

Nel secondo invece


- Rossetto nude Kiko

-Lipgloss glitter L'Oreal

- Rossettino Essence

- Burrocacao effetto menta Labrosan

- Matita nera Euphidra

- Elastico per capelli

- Mini size di crema Nivea in edizione speciale con foto di Rihanna

Infine, ecco la mia fedele digitale con piccolo adesivo di un cupcake. La custodia "sta fitennu", ma mi scoccia farle fare un giro in lavatrice quindi amen


E qualche cianfrusaglia che si trova all'interno del mio portafoglio insieme a soldi, monete, carte fedeltà e biglietti da visita vari


Mille cerotti che non uso mai, bustine di Nimesulide, cartine Rizla trovate in albergo la prima volta in cui andai a Londra, quindi nel 2007, e foto di Dani quando era giovane e aitante.

Scommetto che questo post l'avete trovato interessantissimo =___=

.

31 commenti:

thefashioncat ha detto...

Io ai tempi avevo fatto un 'what's in my wallet' ma l'idea è la stessa! :D Toh, usiamo lo stesso nimesulide XD Quel rossetto Essence com'è?

The fashion cat

Anonimo ha detto...

Ciao.
La borsa, per me, rappresenta la persona e il suo di organizzarsi nella vita.
Come te, preferisco borse non troppo piccole, perchè, a parte borsello e libretto di circolazione,la mia deve contenere:
- occhiali da sole;
- fazzoletti di carta;
- assorbenti;
- chiavi (troppe!);
- aspirina;
- biochetasi;
- pochette con specchietto, burro cacao, limetta per unghie - non si può mai sapere -, mascara, rossetto;
- salviettine umidificate;
- ago, filo ( una volta si scucì l'orlo della gonna, e stare tutto il giorno così, non fu piacevole );
- spazzola;
- caramelle e gomma da masticare s/z (non tanto per un fatto di calorie, quanto per evitare il diabete in giovane età!);
- spazzolino e dentifricio (comodissima confezione da viaggio);
- blocchetto con penna;
- cellulare e carica batteria (perché non sempre ricordo di metterlo sotto carico, quando sono a casa).
Quanto al dolcificante, perché non usi la Stevia? Ha il vantaggio (così sembra) di essere un prodotto veramente naturale. Mi sembra che la Misura già lo produca (se ho sbagliato a citare la marca, cancella pure!).

Anonimo ha detto...

sarebbe stato più interessante se su questo inutile blog avessi scritto due righe due su cosa ricorre oggi in tutta Italia e in sicilia...23 maggio 1992 ti dice niente?è vergognoso questo silenzio,soprattutto oggi.
Lia

Cupcakes ha detto...

Thefashioncat, il rossettino fa pena, neanche si vede ed è troppo glitteroso. Non so, sembra quello che si trovava nei giornaletti come il Cioè quando eravamo giovincelle!

Anonimo 17:37, ciao!
Ma quante cose ti porti? La tua borsa peserà di sicuro più dellamia ;)
Ho scordato le gomme da masticare che effettivamente porto anche io. Sono finite un paio di giorni fa e per questo non appaiono in foto, ma appunto, le porto sempre con me anche io.
Per il dolcificante, ultimamente ho comprato il Dietor in pilloline e non contiene fenilalanina. Ho anche delle bottigliette di dolcificante liquido sempre senza questa sostanza, me le ha regalate mio zio che fa il rappresentante di prodotti per diabetici, quindi credo di essere a posto per i prossimi cinque anni (sono almeno una decina!).

Lia, come dici tu questo blog è inutile, quindi è inutile anche ricordare cose importanti, dato che le persone interessanti vanno su siti interessanti.
Il fatto che sul blog non parli di storia, politica o attualità, non sta a significare che nella mia vita io faccia lo stesso.

Violet ha detto...

wow sei brava a tenere tutto così ordinato! io tengo tante cose alla rinfusa, poi non ho tutte quelle minitaglie...e spesso perdo i trucchini in giro, e magari due mesi dopo li ritrovo su altre borse che non ricordavo -.-"
dovrei prendermi anche io un paio di pochettine, anche per il cellulare o l'ipod che prima o poi finirà per rompersi schiacciato da altre cose...
il portassorbenti l'ho preso anche io uguale :)

Anonimo ha detto...

bè speriamo, non è storia è vita,vera.
Lia

Cupcakes ha detto...

Che frase fatta -.-'

Sluggard ha detto...

Tolti i soliti noti che fanno come i mariti con le mogli e si ricordano dei grandi morti solo negli anniversari....

Io in borsa ho: cellulare, portafoglio, ipod, agenda con penna, occhiali da sole e salviette igieniche.

Nel portafoglio non ci sono soldi che, come le sigarette e l'accendino, porto in tasca.
Del portafoglio quindi potrei fare a meno e mettere carte varie e documenti nell'agenda...

Sono una donna a metà, lo so.

laprugna ha detto...

Io non trovo mai cose per ''far peso'' nella borsa, esco sempre con la borsa praticamente vuota, sono una vergogna lo so, ma meno se consideriamo che ogni volta che ho una borsa piccola a tracolla mi viene l'ispirazione per mettere cose -.-

Nuvola ha detto...

Sluggard io ti faccio concorrenza: fazzoletti, burro cacao, documenti, gomme o caramelle, portafoglio, agenda con penna (che non scrive mai), cellulare e chiavi. fine :)

Anonimo ha detto...

non è una frase fatta, ma sei troppo insulsa per capirla..per te la vita è fatta solo delle idiozie che scrivi qua.cresci.

Dona il tuo amore qualsiasi cosa succeda ha detto...

Nooooooooooo voglio ASSOLUTAMENTE IL contenitore di Domokun!! u___u

Comunque:quanta roba!! Io invece parto con il presupposto di portarmi tutto quello che in teoria hai tu e invece alla fine esco con chiavi, fazzoletti e portafoglio....dimenticandomi tutto il resto a casa!
Sono una frana!

Anonimo ha detto...

A chi ha tacciato il blog, anzi la sua proprietaria, di non aver speso due parole per ricordare la strage di Capaci, ricordo che non averne parlato in questo contesto non significa non avere una coscienza morale e storica.
Se poi vogliamo parlare di morti ammazzati, allora dovremmo ricordare anche gli uomini della scorta, i militari in generale che, durante gli anni di piombo, sono caduti per mano del terrorismo. Vogliamo parlare poi delle morti bianche, delle persone morte nei capannoni della S.Agostino ceramiche in Emilia?
Piangere un magistrato che, da vivente, è stato isolato dalle istituzioni, pensare di fare ammenda in questo modo, è da ipocriti. Anzi, sono dell'avviso che le uniche persone che abbiano diritto a parlare siano i familiari stretti che, stranamente, in occasione degli anniversari, non si mettono davanti alle telecamere. I toni lacrimevoli dei conduttori televisivi, i finti occhi lucidi sono stucchevoli. Il problema, infatti, non risiede nel non partecipare alla commemorazione collettiva, oppure decidere di farlo in un contesto diverso dal blog. Il problema nasce se il giorno dopo l'anniversario della scomparsa, non ti sforzi di assumere un atteggiamento partecipativo. E la partecipazione non è solo politica, ma prima di tutto civile. Solo una mobilitazione collettiva, 365 giorni l'anno, a favore della legalità, può sortire qualche effetto. Le cerimonie e le belle parole di un giorno, in confronto, sono marginali.

Anonimo ha detto...

Giuliana scusa per il "papiello" delle 5:56, vagamente OT, ma quando ci vuole, ci vuole!
Hai ragione quando dici che la mia borsa è pesante; ho talmente tante cose che, nel cambio borsa, temo di perdere qualcosa!
Diciamo che, quando sono fuori casa, avendo tutto con me, non mi trovo nella necessità di comprare altro. La gomma da masticare, per esempio, preferisco acquistarla al supermercato, perché con la stessa somma che spenderei nel bar sotto casa, compro tre pacchetti. Non sono tirata o tirchia, ma sparagnina!

Anonimo ha detto...

ma piuttosto che criticarla su argomenti che uno è libero di trattare o non trattare in un blog frivolo come questo (cosa vi aspettate da un blog che parla di vestiti, trucchi e cibo?) perchè nessuno si è accorto dell'ignoranza di questa donna che chiama "LA PERSISTENZA DELLA MEMORIA" (o anche "orologi molli") "LA SUSSISTENZA DEL TEMPO"????

sì siete tutte brave a tirar fuori paroloni e a fare le fighe quando si tratta di dire come si scrive LEGGINGS o LEGGINS o che cavolo volete, però poi quando l'ignoranza e la pochezza cel'avete sotto il naso non sapete nemmeno coglierla. Forse perchè siete pure più ignoranti della proprietaria del blog, che in fondo non ha mai preteso qui di essere ne colta ne profonda ne sensibile a certe tematiche.

Ingrid ♥ Audrey et Olivia ha detto...

Sei ordinatissima Cup, non avevo mai visto la tua borsa "internamente" durante i nostri incontri!
Io ho un casino. Cerco di dividere in buste tutto quanto, ma poi ci butto dentro di tutto e nel giro di un giorno diventa una cosa improponibile!

Anonimo ha detto...

@anonimo ore 07:46
Prima di dare dell'ignorante agli altri, fossi in te mi preoccuperei dell'ortografia... "CEL'AVETE" "PERCHè" (con l'accento sbagliato) "NE" (senza accento)... Comprati una buona grammatica, studiatela e POI sali in cattedra ad insegnare agli altri. A parte che nessuna persona intelligente sale su una cattedra ad insegnare, ma sull'intelligenza di certe persone ormai si è bellamente messa una pietra sopra.

Anonimo ha detto...

ultimo anonimo tu forse sei lo stesso che fa una questione di stato se qualcuno scrive leggins o leggings?
ok la mia ortografia non è perfetta ma sinceramente preferisco un congiuntivo al posto giusto o un minimo di contenuti piuttosto che tutti gli accenti e tutte le "n" al posto giusto; e "la sussistenza del tempo" è atroce. Attaccati all'ortografia, se questo ti fa sentire meglio.

Anonimo ha detto...

no quella dei leggings sono io, e trovo questo post da bimbaminkia totalmente inutile.

Anonimo ha detto...

E tu sei altrettanto inutile, come tutti quelli che si attaccano all'ortografia giusto perchè non hanno nient'altro da dire.

Anonimo ha detto...

Per Anonimo 7:46.
C'è una bella differenza tra ignoranza e intelligenza. Ignorante è chi non conosce certi argomenti, per non averli mai studiati o studiati male. Penso che sia proprio tu a fossilizzarti sul particolare, senza guardare alla sostanza delle cose.
Qualche libertà espressiva può sfuggire a noi "umili" lettori, non certo per incapacità di cogliere la sbavatura espressiva, quanto per attenzione ai contenuti. Poi devi considerare che il blog non è un tema, ma la trasposizione scritta, quasi la verbalizzazione, del pensiero. Quindi certe libertà espressive ci stanno tutte. Ti consiglio di smussare gli angoli e di aggiornare i parametri di valutazione.

Anonimo ha detto...

E ancora: giuliana è una ragazza giovane, con tanti interessi e sogni nel cassetto, con la voglia di viaggiare e di conoscere. Ben venga tutto ciò, specie se ha i toni e i colori vivi della giovane età. Hai mai pensato al vuoto di idee, di interessi che popola molte periferie?

Anonimo ha detto...

In realtà, nonostante io reputi giuliana molto ignorante, in questo caso mi ero quasi posta in sua difesa, dicendo che è inutile fare le sapientone qui spronando giuliana ad affrontare argomenti "profondi" quando poi nemmeno ci si accorge di sbagli eclatanti tipo "la sussistenza del tempo". Era una sorta di provocazione, anche se piuttosto velata. Il problema è che qualche svegliona di dubbia intelligenza ha ben pensato di attaccarsi solo alla mia non perfetta ortografia, confermando tutto ciò che penso sulle lettrici medie di questo blog. Non me la sono presa con tutte quelle che hanno commentato qui, ne ho mai messo in dubbio che giuliana possa essere una ragazza giovane e con sogni nel cassetto.

Neofanta ha detto...

Ho appena letto il post e la prima cosa che mi è balzata agli occhi è stata anche per me la storpiatura del nome del famoso quadro di Salvador Dalì - anche perchè ho dedicato gli studi universitari all'arte contemporanea, quindi era dovere culturale :D
Devo dire che sei molto organizzata per ogni evenienza, cosa che faccio anche io solo nei giorni lavorativi: venerdì e sabato, solo pochette con l'indispensabile, o addirittura soldi e fazzoletti divisi nelle tasche dei jeans!
Saluti, Neofanta

wonderwoman ha detto...

Ti manca il kit di pronto soccorso.. eh,..LE CARTINE RIZZLA?? WHY??:-D

La Strega ha detto...

ohiiiii ma sei precisissima, se ti fo vedere cosa c'è nella mia borsa..... a me mary Poppins mi faun baffo :(

Anonimo ha detto...

@anonimo 8:48
Non mi sono attaccata a nessuna ortografia, ho solo usato l'esempio a dimostrazione che si guarda la pagliuzza negli occhi altrui e non ci si preoccupa della propria (e attenzione che volutamente non messo l'esempio della trave). Parliamo di ignoranza per aver sbagliato il nome di un opera d'arte? Scusami, ma io pensavo che conoscere l'opere omnia di Dalì fosse da professore di storia dell'arte mentre i banali errori di ortografia da te commessi sono al livello di una terza scuola primaria... Tu e che livello ti poni? Provi a porti su quello che si trova giù dalla cattedra?

Anonimo ha detto...

Livelli di esaurimento notevoli tra le frequentatrici di questo blog! :)
Come al solito leggere i tuoi commenti è troppo spassoso!!!

Cupcakes ha detto...

Per tutti: effettivamente questo post l'ho scritto forse frettolosamente. Solitamente porto in borsa con me anche un foulard in caso di vento, e un cardigan in caso di fresco, ma questo accade d'Estate e non quando indosso già le maniche lunghe.

Anonimo 7:46, hai ragione, ma chissà da dove mi è venuto il titolo "La sussistenza della memoria"!
Grazie per avermelo fatto notare, ora lo correggo.
Comunque, dato che io e i miei lettori siamo dei poveretti, a tuo dire, sappi che ahitè, anche tu fai parte del calderone, dato che non fai specifiche e sei anche tu una mia lettrice.

Ingrid, in realtà quando la apri non è così in ordine, perchè ci sono un sacco di fazzolettini sfusi ad esempio, o perchè quando voglio alleggerirla prendo qualcosa da ogni pochette e la lascio sfusa -.-

Neofanta, e dire che ho anche frequentato l'Istito D'Arte. La bacchettata me la merito stavolta!

Anonimo ha detto...

io praticamente sono mary poppins, vado sempre in giro con borse pesantissime che mi spaccano la schiena. la prima cosa indispensabile è l'acqua, ne bevo litri e litri al giorno. poi fazzoletti di carta, igienizzante mani, crema mani, salviette intime, agenda, penna, portafoglio (con soldi, documenti, carta bancomat, tesserino sanitario, pillola anticoncezionale, varie ed eventuali tessere fedeltà e biglietti da visita), poi chiavi di casa e della macchina, almeno un paio di accendini, sigarette (da qualche mese fumo il tabacco, e per non portarmi tabacco, filtri e cartine sempre dietro di norma ne preparo un po' a casa e le porto in borsa in un portasigarette), medicine varie per il mal di testa, collirio, forcine, assorbenti, burrocacao, rossetto nude elf, a volte anche cipria e pennello. ovviamente, quando vado in università (molti giorni a settimana), ho anche libri, quaderni, astuccio, pranzo e merenda. se il tempo è infausto ovviamente anche ombrello e/o sciarpina. mio dio, mi faccio paura da sola :D
AMTP

Anonimo ha detto...

ma quello di tua madre è un porta sigarette!!! anche mia madre ne ha uno simile, non avevo mai pensato di utilizzarlo per la digitale...