26 settembre 2012

Mercoledì 26 Settembre 2012


Mi chiedete di parlarvi un po' della mia vita inglese.

Credetemi, non c'è nulla da raccontare.

La mia vita è lavoro - spesa - casa - lavoro. Non scherzo.

Lavorando per lo più in orari notturni, capirete bene che non ho tempo per fare altro. Torno a casa verso l'ora di pranzo, e a quell'ora le mie amiche lavorano ed io sono troppo assonnata persino per andare ad esplorare la città.

Quando le mie amiche escono la sera, io non posso raggiungerle perchè devo svegliarmi alle 2:30/3:30 a seconda dei giorni.

Sì, lo so che non ha senso vivere così, ma facevo la muffa a Ct in camera mia e con il senso di colpa. Adesso almeno la mia muffa è giustificata dalle otto ore di lavoro precedenti al lancio nel letto.

Prometto solennemente che mi abituerò ai miei orari così da poter sfruttare al meglio i miei due giorni liberi settimanali.

Cose che ho scoperto negli ultimi giorni:

- Ogni settimana ci dividiamo le mance raccolte nei sette giorni precedenti. Oggi è stato giorno di divisione e ho guadagnato ben dieci pound. Dite che devo metterli da parte? Ho pensato che potrei raccogliere tutti i soldi delle mance e ogni tot di mesi spenderli per comprare qualcosa che mi piace. Alla fine sono soldi regalati e non guadagnati. E poi se dovessi trovarmi con le pezze al culo e disoccupata, avrei qualcosina per pagarmi almeno una parte d'affitto dopo un po'

- Gli inglesi e gli stranieri in generale qui in città, dicono sempre Please, Thank You e I'm sorry. SEMPRE. Non è così scontato in Italia, soprattutto il Per favore

- La parte anteriore della zona in cui abito. Andavo solo da un lato, e ora ho scoperto la parte opposta. E' anche più interessante

- Le acque profumate Victoria's Secret costano solo 7 pound una. Io amo le acque profumate, anche perchè non uso spesso i profumi veri e propri. Ovviamente conto di prenderne almeno un paio, ma sempre e solo col mio futuro stipendio. Sto aspettando questo diavolo di stipendio per comprare finalmente qualcosa

In generale:

- Non potrò usare mai più lo smalto perchè al lavoro è vietato. Non è che ho tutta questa voglia di metterlo l'unico giorno libero che ho. Una spesa in meno. Addio smalti Berry M, non vi comprerò mai. Anche se alcuni di American Apparel mi fanno così impazzire che prima o poi potrei anche cedere

- Mi trucco ogni giorno, anche quando vado al lavoro la notte. Poi mi specchio e sono bianchissima nonostante il fard, e ho gli occhi di fuori nonostante ombretti, matita e mascara. Ma come si fa a truccarsi e a sembrare truccate? Io anche dopo tre chili di stucco sembro senza trucco. Mah

- Ho mangiato la feta che avevo assaggiato solo una volta prima. Io la amo. è salatissima ma troppo buona

- Ho indossato una calzamaglia, cosa che non facevo da una decina d'anni. è molto meglio dei collant!

- Odio i miei capelli

Resto sempre aperta alle vostre domande se volete sapere qualcosa di sensato, eh.
Perchè io non so davvero cosa dirvi, ma se voi volete sapere qualcosa in particolare chiedete pure.

Buona giornata!

.

38 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao!Volevo chiederti se hai notato la presenza di qualche lavoro/professione che in Italia ancora non esiste,grazie!

Anonimo ha detto...

Finalmente qualcuno fa domande sensate
Martina

silvia ha detto...

bhe l'adeguarsi ai turni non è mai facile all'inizio, io son turnista da una vita e quindi a ogni cambio lavoro (maledetti contratti a termine) ho sempre bisogno di un periodo iniziale di assestamento ^^
ma è un posto aperto 24su24?
no, il per favore non è scontato per niente, anzi... e, per i simpatici anonimi, non è scontato in toscana, emilia, romagna e nel nord est dove ho lavorato e lavoro

Cupcakes ha detto...

Anonimo 17:08 , ciao!
In realtà non credo di aver visto per adesso dei lavori che non avevo mai visto prima. Ci sono i "portainsegne" umani, e cioè le persone che vengono pagate per tenere i cartelloni pubblicitari di ristoranti e fast food, ma anche se in Italia non si usa, credo sia una figura già vista un po' da tutti anche se solo nei film.
Adesso che mi hai messo in testa il tarlo, darò comunque occhiate approfondite in giro per scoprire qualche nuovo mestiere!

Silvia , il Caffè chiude alle 9 di sera, al massimo alle nove e mezza. La fregatura sta nel fatto che apre prestissimo.


thefashioncat ha detto...

Per quanto riguarda la questione delle mance..si, io credo che dovresti tenerle via :)

Continua così! :)

silvia ha detto...

io a londra ho un amico che fa il pony express in bici, mestiere pericolosissimo in quel traffico... non so quante volte s'è già fatto male fisico non indifferente...

Anonimo ha detto...

Forse un lavoro che non si usa qui (almeno non al centro-sud)è il ragazzo che porta con la bici i pranzi bio negli uffici e nei grattacieli!che poi sarebbe il lavoro che fa il ragazzo che sogna di andare in america su love actually!

Lucy Van Saint ha detto...

Sei grande Giuly! Ti stai comportando benissimo. Quanto sono contenta di leggerti così. Resisti!!!!
P.S. ottima idea quella di mettere le mance da parte.

Anonimo ha detto...

Ma gli uomini sandwich esistono anche in Italia. In via del corso c'è un simpaticone che va in giro vestito da menù di sushi!

Veronica Zoccheddu ha detto...

Bravissima e tieni duro!
Anche perche' e' vero che all'inizio, soprattutto quando si cambia anche citta, i primi gg sono tutti "lavoro casa spesa", ma poi le cose cominciano ad aggiustarsi e ti abituerai alla fatica, ai turni ecc.
E poi, tu dici che a Ct stavi ad ammuffire in camera, qui invece ammuffisci dopo aver lavorato...ecco, comincia a pensare che a Ct ammuffivi davvero, qui TI RIPOSI dopo il lavoro, che e' ben diverso! Questa e' la vita reale! Ci sono settimanae di lavoro in cui si lavora e basta purtroppo...a volte penso che nell'ultimo anno tu a Ct sia uscita un po' fuori dalla realta', perche anche se so che aiutavi tua nonna eccetera (cosa lodevolissima) in realta non ti trovavi in una situazione di reale lavoro come milioni di persone...
Tieni duro! Un abbraccio forte!!

FrencyMammaStrega ha detto...

Anche io voto per "raccogliere" le mance. Un po' perchè possono servire da paracadute (soprattutto all'inizio) tra uno stipendio/contratto e l'altro.
Un po' perchè più avanti, con un lavoro più sicuro, ti permetteranno di toglierti qualche sfizio "più importante" ;)

Io trovo che tu stia andando alla grande! Forza! :)

ellee ha detto...

Cup, anche io ci sono passata (lavoravo al Cafe Nero di Oxford Circus) so cosa vuol dire, forza e coraggio!!!! Siamo tutti fieri di te!!! :)

Anonimo ha detto...

Io non voglio smontarti eh, ma la vita è una sola....chi lo dice che la vita VERA è lavorare e svenire sul letto ad orari improponibili? L'energia che hai a 25 anni non l'avrai per sempre, questo è il momento buono per godersi un po la vita....questi anni non torneranno mai più e tu li passerai lavorando in un caffè alla stazione e dormendo di giorno, perdendoti tante cose belle che potresti fare....ok c'è gente che non ha scelta e deve vivere per forza in questo modo ma tu potevi scegliere...e per me non sei stata furba. E non capirò mai chi ti dice "brava" solo se stai sgobbando...potevi comunque costruirti un futuro senza rovinarti gli anni più belli così. C'è tutta la vita per lavorare, sgobbare, poi verrà il momento in cui i figli verranno sempre al primo posto e allora ciao...ripeto, la vita è una sola. Questo è il mio pensiero. Chiara

Lucy Van Saint ha detto...

In risposta a Chiara: la vita, i soldi per mantenerti non te li regala nessuno. Evidentemente se parli così è perchè (beata te) non hai mai dovuto faticare per ottenere le cose nella vita. I soldi, il mantenimento da soli senza l'aiuto dei genitori, il vivere in maniera indipendente non te li dà nessuno se non sei disposto a sacrificarti. A meno che tu non sia raccomandato o figlio di papà, nel qual caso è diverso. Quindi Giuliana sta solo facendo il suo dovere, si sta costruendo, anche a costo di sacrifici, una vita migliore. Sta faccenda che c'è tempo per lavorare è una cazzata. Non tutti possono permetterselo. Vorrei proprio sapere quanto e come poteva essere più furba. Giuliana non ti far traviare e continua così che stai andando alla grande!

Anonimo ha detto...

cara lucy, i genitori di giuliana non l'hanno certo buttata in mezzo ad una strada, anzi sarebbero stati ben contenti di pagarle gli studi o di aiutarla a trovarsi un lavoro decente piuttosto che saperla in un brutto quartiere, costretta a prendere mezzi in piena notte (cosa pericolosa a londra tanto quanto in italia), lavorando di notte alla stazione per pochi soldi. credi che basti questo a costruirsi un futuro? credi che, finita questa esperienza, troverà chissà quante porte aperte? ha senso fare sacrifici se ti portano da qualche parte, ma andare a londra solo perché a catania stava stagnando, facendo un lavoretto che non la porterà da nessuna parte, per me non vuol dire essere furbi, ma solo perdere tempo. e la vita appunto è una sola.

neuromantica ha detto...

Appunto perché la vita è una sola fai bene a viverla, il lavoro è vita e il viaggiare è vita, di sicuro non lo shopping per cui non so proprio secondo Chiara cosa voglia dire "godersi la vita". Avere soldi e cibo assicurati non basta ad essere felici. Costruirsi e scoprirsi si.

RamyRamy ha detto...

io ti ammiro così tanto...

neuromantica ha detto...

Non credo proprio che "gli studi" le garantirebbero qualcosa, dato che non lo garantiscono a chi studia meglio materie più sicure, e se i suoi fossero stati in grado di "trovarle un lavoro decente" (che pensiero orribile) l'avrebbero già fatto..

Anonimo ha detto...

Che belli i commenti dei raccomandati da papino...il lavoro noi umani ce lo troviamo DA SOLI e CON MILLE DIFFICOLTA',non con l'aiuto dei genitori perchè non siamo tutti raccomandati nella vita.
Vai Giuliana continua così,le esperienze GUADAGNATE valgono mille volte quelle REGALATE.
Martina

six_24 ha detto...

- le mance dovresti metterle per poterti fare un regalone, magari la borsa che tanto sogni
- il fatto di dire sempre grazie e per favore è bellissimo, gli italiani sono un pò cafoni in questo senso
- la feta è buonissimissima anche se ha un botto di calorie
- che differenza c'è tra collant e calzamaglia? io le ho sempre chiamate allo stesso modo

ps: forse nn l'avevo ancora fatto... ti faccio tanti auguri x la tua nuova vita e nn demordere che stai andando benissimo!

Anonimo ha detto...

ma qui non si può più nemmeno esprimere un'opinione? non avevo intenzione di mettere in mezzo la mia vita, ma premetto che io ho studiato economia alle serali, perché di giorno dovevo lavorare. Ho fatto mille sacrifici, e tornando indietro mi sarei goduta un pochino di più i miei vent'anni. Non leggendola esattamente al settimo cielo, mi sono sentita di dirle che è importante godersi gli anni della gioventù perché non tornano più, e questo non significa gozzovigliare e fare shopping e basta, ma costruirsi un futuro cercando di non rinunciare a tutto. E a me sembra che lavorando la notte e dormendo di giorno non abbia la possibilità di fare nulla. Non ho mai detto che doveva rimanere a casa a farsi mantenere a vita, ma trovare un quilibrio tra la nullafacenza e lo sgobbare. Questo poi, come ho già detto, è un mio pensiero. Voi però siete tutti bravi a giudicare e a dare dei raccomandati e dei figli di papà a tutti senza sapere niente eh!!!! complimenti!!!!
chiara

Anonimo ha detto...

Ah, e l'anonimo delle 14:05 non sono io, anche se in parte condivido il pensiero. Chiara

Sluggard ha detto...

Chiara, la Cup ha 24 anni e poca voglia di studiare. Si è guardata allo specchio e lo ha ammesso con se stessa.
Andare in questa cavolo di Londra era il suo sogno e lo ha inseguito.

Non tutti abbiamo le stesse ambizioni (un buon posticino in un ufficio, una casetta linda nella periferia di una grande città ecc).
Per lei già riuscire a rimanere lì e non tornare a casa con la coda fra le gambe sarebbe un goal.

E' stata un anno a non fare una mazza, è banale che i primi tempi che lavora sia stanchissima e le sembri di morire, invece che di addormentarsi. Piano piano prenderà il ritmo.

Anonimo ha detto...

Ciao Giuliana, una domanda che potrebbe sembrare venale, ma che serve solo a capire meglio quali sono gli scenari per chi approda a Londra...quale è lo stipendio medio di un ragazzo che lavora nei bar, come fai tu?

Grazie,
Sonia

Anonimo ha detto...

Anche a me pare che parli come un cane bastonato, se uno va via lo fa per star meglio, non il contrario. Ok che i primi tempi sono i primi tempi per tutti, ma un lavoro quasi notturno è una mazzata sempre, non è questione di abitudine. comunque se le tue aspirazioni erano queste va benissimo. e tutte le varie azzeccagarbugli se ne stessero zitte che non hanno capito niente.

Anonimo ha detto...

Cioè ma di cosa stiamo parlando?Ma vivete tutti nel mondo delle fate?!?!Ma davvero pensate che una persona può trasferirsi in un paese straniero qualsiasi e trovare un lavoro fantastico dopo una settimana?E' normale che all'inizio bisogna arrangiarsi.Siete capaci solo ad aprire bocca e dargli fiato

Lucy Van Saint ha detto...

Quoto il commento di Martina e quoto anche l'ultimo commento delle 19:28 anonimo che dice che è normale che all'inizio bisogna arrangiarsi.
Io stessa all'età di Giuliana lavoravo fino a mezzanotte inoltrata tutti i santi giorni in un'agenzia di scommesse ippiche a contatto con gente che ve la raccomando. E tornavo a casa con l'autobus notturno tutte le sere. Ma oggi posso dire che quell'esperienza mi è servita e sono orgogliosa di quanto ho ottenuto nell'arco di 10 anni con le sole mie forze. Se stavo a fare discorsi tipo: "Ommioddio è un ambiente di cacca, che ci vado a fare a 24 anni senza godermi la vita?" di certo non era meglio. Giuliana sta imparando cosa sia la vita, quella vera, e ciò non potrà che giovarle.

Anonimo ha detto...

Ma tutti voi chi siete per dire cos'è la vita vera? La vita è vita...per alcuni è sgobbare e poi sentirsi fieri dei sacrifici fatti, per altri no...non siate tutti così chiusi di mente dicendo che chi non la pensa come voi è x forza un raccomandato e un figlio di papà ....non infiammatevi per così poco, sembrate un branco di donniciole isteriche

Cupcakes ha detto...

Allora: io potrei fare il discorso che la vita è una e siamo gggiovani se avessi 18 anni e prendessi un anno sabbatico dal diploma alla ricerca del lavoro o iscrizione all'università. A 25 anni non si è vecchi, ma non si ha neanche quella spensieratezza che ti possa far pensare di marcire ancora con i tuoi che ti mantengono.
Io sentivo la vera esigenza di non vegetare più, anche perchè sono una tipa che si crogiola facilmente nel dolce far niente.
Per me era arrivato il momento di darci un taglio.

Credo nessuno al mondo potrebbe dire di essere felice di svegliarsi alle due del mattino per andare al lavoro. Non sono l'unica turnista che si lamenta degli orari assurdi e mi prendo il diritto di farlo. E' normale.

Sono felice delle scelte che ho fatto.
Io spero che il mio contratto andrà avanti, ma se così non dovesse essere, avrò comunque lavorato dignitosamente, mi sarò fatta il culo (scusando il termine) e avrò pagato l'affitto di casa mia con i MIEI soldi.
E ciò mi ripagherà anche dalla fatica e dalle levatacce.
O dalle NON uscite.

Londra non scappa per fortuna, e potrò girarla quando mi verrà più semplice farlo.


Anonimo ha detto...

tu non hai fatto delle scelte, semplicemente non avevi altra scelta!! a studiare eri una capra, lavorare in italia al call center non era abbastanza fico...e così hai visto un po' di amiche venire a londra e le hai imitate...sei scappata da tutto e basta. comunque se credi che fare la lavapiatti a londra sia più fico che farlo in italia, buon per te!! e smettila di dire che sgobbi, lavori part-time e al massimo fai qualche caffè e passi uno straccio...farsi il culo vuol dire ben altro.

Cupcakes ha detto...

Veramente lavoro otto ore al giorno. E svegliati tu alle due di notte, fattelo tu un km al freddo per arrivare alla fermata del bus e servili tu centinaia di clienti che vanno di fretta e vogliono tutto e subito perchè altrimenti il treno parte.

Ci sono lavori ben peggiori del mio che è tutto sommato normale (tranne che per l'orario), ma sicuramente fare la barista FULL TIME non è un lavoro in poltrona. E se anche avesi fatto la lavapiatti ne sarei andata fiera.

Non mi sto proponendo come povera vittima. Ho trovato lavoro due giorni dopo aver iniziato la distribuzione dei curricula. Se non è fortuna che fa sorridere di felicità questa...!

E non sono scappata da nulla se non dal degrado che c'è a Catania. Il resto è salito con me, per fortuna.

Dona il tuo amore qualsiasi cosa succeda ha detto...

Non ti devi giustificare con nessuno x il mazzo che ti fai...io ho fatto la cameriera in italia ed ero sempre a pezzi, ma non è che mi piangevo addosso...la mia unica voglia era di mantenermi da sola!
Poi ho fatto l'impiegata, ma mentalemente ero stressata cmq...

Tu hai fatto la tua scelta, te la stai vivendo, non stai chiedendo soldi a nessuno e va bene così.....che gli altri si fottano và!!
Sembra ci sia una competizione su "chi sfacchina di più al lavoro"...se non chiedi un caz** di soldi a nessuno dov'è il problema?? Se vuoi dire che sono orari assurdi e sei stanca, ma lo fai comunque, dov'è il problema?? Bah!

Chicapink ha detto...

Quando studiavo c'erano periodi in cui la mia vita sociale era men che zero, tra l'altro lavoravo anche...Questo non per sminuire te, ma per rispondere a chi sopra diceva che questi sono gli anni migliori, bisogna goderseli, ecc. Questi sono gli anni migliori, ma anche migliori per crearsi un futuro. E per avere un futuro si fanno molti sacrifici
. Cup, so che ora ti sembra dura, ma ti abituerai ai turni e avrai più tempo per te. Quando ti sarai abituata secondo me vedrai che non è male avere questi orari. Se lavorassi 8 ore diurne, cmq saresti stanca la sera, e di giorno non potresti girare perchè lavori. Basta organizzarsi :)

Anonimo ha detto...

povera, fai pena


wildgirl

Anonimo ha detto...

Avete tutte una bella idea di cosa significhi "costruirsi un futuro". Poracce !

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 20:11 santo subito...ha ragione....siete un branco di donniciole isteriche

Ladra di Caramelle ha detto...

Secondo me devi solo farci l'abitudine, col tempo riuscirai a svenire un po' meno sul letto e goderti un po' di più il resto del giorno :)

Anonimo ha detto...

forse stai morendo