7 ottobre 2012

Domenica 7 Ottobre 2012

Vi avevo già detto che questa settimana ho fatto un paio di acquisti, e ora ve li mostro.

Da Primark ho comprato un pigiama con i cupcakes


uno strofinaccio con cupcake gigante che però appenderò in camera o mò di poster


un plaid con stampa renne/natalizia per quando farà freddo (l'ho preso per usarlo come vestaglia perchè la vestaglia costava il doppio)


e un'inutilissima scritta tridimensionale in legno che ho già collocato sul camino che ho in camera da letto


Al supermercato invece, nonostante ne abbiamo a casa più di dieci, ho comprato a soli 75 centesimi una tazza. L'ho comprata perchè è comoda per infilare il cucchiaio quando pesco i cereali, e perchè è più piccola delle normali mug che contengono troppo latte. Insomma, è una tazza perfetta per la dieta


Ho avuto il mio primo stipendio ieri e sono riuscita a non comprare nulla. Ho deciso che, quando mi piacerà qualcosa, prima di comprarla lascerò passare alcuni giorni... se dopo un tot di tempo mi piacerà ancora la prenderò, altrimenti avrò evitato di buttare soldi.
Prima di prendere lo stipendio mi ero infatti ripromessa di comprare alcune cose, poi ieri le ho riviste e ho capito che non avevo motivo di comprarle. Magari riesco a risparmiare così facendo.

Buona Domenica a voi (la mia sarà pessima... sono tornata poco fa da lavoro e alle sei devo già essere lì. Praticamente ho giusto 3 o 4 ore di tempo per dormire).

.

27 commenti:

Anonimo ha detto...

quella tazza sembra lercia...

Cupcakes ha detto...

Era lercia, dato che ci avevo bevuto il caffè ed era schizzato da tutte le parti.

FrencyMammaStrega ha detto...

Quel metodo di risparmio funziona benissimo ;) Io ormai lo uso da tempo.

E spesso ti permette poi di trovare cose che ti piacciono/servono di più o a costi inferiori.
Ed in totale risparmi un sacco!

carli ha detto...

anonimi avete perso proprio male!!

Carlisa

Ladra di Caramelle ha detto...

bella la scritta relax, ma quanto è grande? Le fai una foto sul camino dove l'hai appoggiata?

Anonimo ha detto...

ciao cane arraggiato!

Anonimo ha detto...

un consiglio: il risparmio deve essere intelligente. Un plaid non è come una vestaglia, se hai bisogno di una vestaglia comprati una vestaglia anche se costa di più, e non un plaid. magari potevi risparmiare su altre cos, come lo strofincaccio, la tazza e la scritta.

Anonimo ha detto...

Bella la tazza, per risparmiare ulteriormente potresti usarla per il bidet... a meno che tu non lo abbia già fatto, viste le macchie...

お菓子 Okashi Lau ha detto...

voglio quel pigiama *_*

Cupcakes ha detto...

Non mi ha pubblicato la risposta, nooooo!

In sostanza dicevo che:

- La scritta Relax è molto piccola ma c'era anche in versione grande (1 pound la mia, 4 pound la grande)

- Per fare il bidet uso un bicchiere più comodo e allungato

- I pigiami Primark sono bellissimi ma fanno puzza come tutta l'immondizia che vendono là dentro

- Il plaid lo porterò anche in borsa per coprirmi nelle notti invernali alla fermata del bus, cosa che non avrei potuto fare con la vestaglia

Anonimo ha detto...

Bella la tazza, per risparmiare ulteriormente potresti usarla per il bidet... a meno che tu non lo abbia già fatto, viste le macchie...

Tiziana ha detto...

"Ho deciso che, quando mi piacerà qualcosa, prima di comprarla lascerò passare alcuni giorni... se dopo un tot di tempo mi piacerà ancora la prenderò, altrimenti avrò evitato di buttare soldi."

E' quello che faccio sempre io :)

Anonimo ha detto...

Io risparmierei per comprarmi un buon piumino piuttosto che andarmene in giro col plaid sulle spalle. Va be che sei abituata a comprare solo vestiti spazzatura, ma un piumino come si deve è solo un investimento se hai intenzione di stare in un paese freddo più di qualche mese. Non basta rifornirsi di cappottini di zara e parka scadenti e poi buttarsi una coperta di pile made in culo sulle spalle..
Un buon inizio per risparmiare potrebbe essere smetterla di comprare merdate con i cupcakes..
fattene tatuare uno sulla fronte che fai prima.

Anonimo ha detto...

Alla fermata del bus con il plaid addosso??? Ma comprati una giacca decente, per carità!

Anonimo ha detto...

Ciao cara,
al di là di quanto scrivono certi anonimi e della maniera in cui lo scrivono, vorrei davvero fornirti dei consigli sull'abbigliamento per l'inverno londinese.
E' vero che il globo è surriscaldato e non ci sono più gli inverni di un decennio fa, è vero anche che Londra non è Oslo ma resta il fatto che gli inverni inglesi sono piuttosto freddi, a volte decisamente rigidi, e piovosi. Inoltre, venendo tu da Catania, impiegherai qualche tempo ad abituarti del tutto alla emperatura di Londra, com'è ovvio che sia. Intenzionata come sei a restare in città e dati anche i tuoi orari di lavoro, ti consiglio vivamente di munirti di un capospalla adeguato: un piumino o una giacca tecnica, meglio se impermeabile, ma un capo vero, serio, che scaldi adeguatamente. Idem per le scarpe, meglio se stivali, e per le calze.
Ti consiglio anche una vestaglia di pile: è vero quello che qualcuno ti dice, la coperta non è una vestaglia, e durante le mattine rigide, quando ti alzi dal letto, avrai bisogno di coprire per bene le spalle, il torso, le braccia.
E' importantissimo non ammalarsi ogni due per tre e il freddo e l'umido non aiutano a stare bene se non si è adeguatamente riparati!
Ricordo una fine novembre pazzesca due anni fa a Londra: ogni cosa era pronta per il Natale e traboccava d'incanto ma c'era un tale freddo che, difatti, presi una tremenda bronchite con interessamento polmonare e, prima che si convertisse in qualcosa di peggio, il medico mi chiuse in casa per 7 giorni, col divieto assoluto di mettere il naso fuori della porta!
Allora, vai col piumino!
Lilla
P.S. Credo che anche la tua alimentazione, coll'approntarsi del clima rigido, possa essere un poco più ricca di grassi e carboidrati.

Anonimo ha detto...

compra una stufetta elettrica, ne vendono da Argos o in qualunque pound saver shop.
Il mio primo inverno ad edinburgo, in un appartamento condiviso con il riscaldamento gestito al risparmio dall'inquilino 'anziano', presi una tosse profonda a Novembre di cui mi liberai a Luglio, quando andai in vacanza in Spagna due settimane! La tua camera che infissi ha, come sei messa a spifferi? e da sotto la porta d'ingresso? Molte case in affitto hanno infissi vecchi e che non chiudono bene, e accendere la stufetta mentre ti cambi o prima di andare a letto puo' fare la differenza!
Gio (UK)

Anonimo ha detto...

Lilla, dire le cose educatamente o meno serve a poco, anzi devi sapere che la ciambella a volte si infastidisce quando i commenti sono educati e pieni di buoni consigli e preferisce i commenti in cui viene presa di petto e messa faccia a faccia con la realtà. Anzi adesso ha preso la via del cancellare i commenti sensati ma che la infastidiscono, lo sapevi? Il tuo commento non servirà ad un beneamato, tanto lei è convinta che spendere cifre a due zeri per un piumino sia pura follia perché "meglio variare, mi stufo, non mi serve un piumino che mi dura dieci anni". Ti dirà che il plaid è molto comodo e pratico e caldo per le notti invernali davanti alla fermata del bus, e che soprattutto costa poco. Ti dirà che la sua dieta è iper equilibrata perché accompagna a tutti i suoi pasti di tofu e verdure ben due fette di pane integrale con lo 0,0000001% di grassi. I buoni consigli non servono a nulla quando davanti hai un muro di arroganza.

Cupcakes ha detto...

Il plaid sulle spalle mi serve per coprirmi nei momenti in cui sono ferma e il freddo si sente di più, cosa che a me succede quando non sono in movimento in un luogo all'aperto, di notte e col sottozero fuori. Non devo usarlo come sostituto di una buona giacca, che comprerò insieme agli stivali da pioggia, ma lo userò SOPRA la suddetta giacca.

Va bene che sono deficiente, ma non è che io abbia l'intenzione di uscire con le maniche corte anche a Dicembre.

Per la stufetta, forse provvederò anche a quella.

La casa dove vivo è abbastanza vecchia ma non vedo spifferi né troppa umidità. Quando piove è ok. Tra un mesetto vi saprò dire di più!

Ultimo Anonimo . "Ciao pachiderma" è un consiglio? "Compra stoca**o" è un consiglio?
MAH!
Adesso ho iniziato a cancellare gli insulti, non i consigli.
Oppure cancello quelle discussioni che so andrbbero per le lunghe se rispondessi e rispondessero anche gli altri utenti... e andrebbero per le lunghe non arrivando da nessuna parte, quindi non sarebbero costruttive. Guarda che se le critiche le argomenti bene senza voler per forza passare per l'intelligente di turno e dandomi dell'idiota io non le cancello mica.

Ps: Io qui il tofu non l'ho neanche visto, e comunque gli alimenti vegani non sono il male. Vorresti farli passare per alimenti da cretini? Perchè specifichi "tofu e verdure" se io mangio molto più spesso prodotti animali?
E soprattutto, pane a basso contenuto di grassi non vuol dire pane dietetico, bensì pane NON grasso. Credo che chiunque avesse davanti una tabella nutrizionale, dieta o no, sceglierebbe una fetta di pane che ha la metà delle calorie e delle schifezze che ha quello accanto. Mica solo chi vuole dimagrire.

Anonimo ha detto...

Ma il pane in generale non è mica grasso, a meno che tu non lo prenda ripieno di formaggio o di altre porcate. Il pane, quello semplice, fa bene, non c'è bisogno che abbia pochi grassi. Comprare il pane confezionato a basso contenuto di grassi è una minchiata. A me sembra che non ti alimenti nel modo corretto, basta leggere quello che compri quando fai la spesa: le verdure e i cibi vegani ti fanno solo bene, dovresti però mangiare più carboidrati ed anche grassi (quelli buoni, non certo quelli delle pringles) e smetterla di comprare cibi dietetici... io sono guarita quando ho smesso di preoccuparmi se il bicchiere di latte del mattino fosse intero o scremato e quando ho iniziato a lasciare i prodotti light sullo scaffale (che anche il nutrizionista mi aveva sconsigliato). Ho smesso di vedere il cibo "normale" come il male , non sono mai ingrassata e le abbuffate compulsive non so più nemmeno cosa sono. eppure mangio molto di più di quando facevo una spesa simile alla tua. per me rischi di ricascarci essendo così rigida, poi ovvio fai come ti pare.

Miria - Plus... kawaii! ha detto...

il pigiama è carinissimo!!

SSdery ha detto...

Non ti permetterò di andare in giro con un plaid,sappilo.

Pudding Zilvy~♥ ha detto...

Mi piace molto il pigiama ^^

Cupcakes ha detto...

Non è un pane a basso contenuto di grassiiiiiiiiiiiiiii!

E' un pane a fette che ha la metà delle calorie degli altri pani a fette, punto. Ha ingredienti diversi, non ingredienti magri. Nella confezione non c'è riportato lo slogan "Adatto alla dieta, ha pochi grassi".

Io l'ho chiamato pane a basso contenuto di grassi perchè rispetto agli altri lo è, ma non è né vuole essere un prodotto dietetico.

Mangio abbastanza carboidrati (cereali al mattino, NON pesati. Tre fette di pane a pranzo e due a cena. Barretta ai cereali come spuntino) e non mi faccio mancare nulla. Ma comunque questo discorso è solo teorico, dato che sto a dieta un giorno sì e tre no. Il prossimo mese peserò già cento -.-

Ssdery , anche a Catania guidavo col plaid delle superchicche sopra le gambe, quindi figurati ora che sarò in mezzo alla strada.

Miria e Zilvy , è tanto carino <3

Anonimo ha detto...

Cup, mi sento di darti lo stesso consiglio che già in molti ti hanno dato, perché come ti ho già detto anche io ho vissuto una situazione analoga alla tua, e anche io ho sofferto per anni di disturbi alimentari. L'anonimo delle 10:56 ha detto una cosa VERISSIMA. Anche io ho iniziato davvero a stare meglio quando ho smesso di contare le calorie e scegliere i cibi in base ad esse. Devi cercare di costruire un rapporto sano con il cibo, e non è facile, ma neppure impossibile!!
Spero che tu ci riesca quanto prima! :)
Ile

Anonimo ha detto...

Cup, che meraviglia!! Non ti avevo ancora scritto per congratularmi per la tua nuova vita londinese...sono proprio contenta per te (sono Lisa, ho commentato qualche volta per dire che secondo me stavi bene col tuo peso...comunque complimenti anche per la dieta, mi pare di capire che stia andando bene anche quella).
Hai fatto proprio bene a trasferirti, nonostante le difficoltà che hai affrontato (col tuo ragazzo per esempio...mi spiace non vi siate trovati d'accordo, ma per fortuna le cose vanno comunque bene tra voi). Sai che ci sto facendo un pensiero anch'io su Londra? Ti seguirò per vedere le belle immagini che posti e leggere come va...a proposito, belli acquisti:) un salutone, buona settimana!

Cinzia G. ha detto...

Da una che sa cosa mettono nel pane in Inghilterra e negli altri paesi anglosassoni:
il pane "senza grassi" è il migliore!

Roberta ha detto...

Voglio quel pigiama con i cupcakeees!!! È stupendo!
Baci
Roberta