24 novembre 2012

Sabato 24 Novembre 2012

.

Ciao.

Peso 91 chili.

NOVANTUNO CHILI.

Ciao ciao ^______^.

.

52 commenti:

Matthew ha detto...

Seguendo il blog da poco spero sia una buona notizia!! Auguri per la Diet ;)

-Matt

Anonimo ha detto...

Poteva andare peggio... Non serve abbattersi.

Anonimo ha detto...

Ma come cazzo fai a prendere ogni volta più di 10 kg in meno di un mese??? Me lo devi veramente spiegare...

Cupcakes ha detto...

MANGIANDO COME SE NON VI FOSSE UN DOMANI.

Comunque in quattro mesi, non uno!

Già a Ct ne avevo presi tre o quattro ad Agosto, poi Settembre, Ottobre e Novembre ne ho presi altri sei o sette -.-

Anonimo ha detto...

Calcolando che ne pesavi più di 100 non mi sembra una tragedia, sei stata anche peggio e in questo momento forse è meglio che la pensi così x conservare un briciolo di autostima. Comunque se riesci a riprendere così tanto peso in pochi mesi, oltre che dare la colpa al cibo, dovresti rivalutare un po' la dieta che hai seguito finora: probabilmente non è quella adatta a te. Non credo che tu abbia mangiato hamburger e patatine per 4 mesi di fila 24 ore al giorno, 10 chili in più non si spiegano. È anche la dieta che è sbagliata, a mio modesto parere. Prova a mangiare sano senza farti ossessionare dalla dieta per un po', sarebbe già un passo avanti. M.M.

Anonimo ha detto...

Sono abbastanza d'accordo con il commento qui sopra... Forse la dieta era troppo restrittiva e per questo il tuo corpo, di fronte ad un'alimentazione molto diversa, ha reagito prendendo così tanto peso in così poco tempo. Forse potresti provare a cercare una giusta via di mezzo tra dieta e alimentazione normale, anche perché mi sembra che ora come ora ti venga molto difficile seguire la dieta e che ti mortifichi anche un po'provare a farlo e non riuscirci. Secondo me, ora come ora potresti abbassare un po'i tuoi obiettivi, puntando magari a rimanere uguale, piuttosto che a dimagrire. Quando ti sentirai più forte, magari grazie all'arrivo di Daniele, ad una migliore organizzazione dei tuoi orari o all'inizio di un po'di attività fisica, potrai ricominciare a perdere peso... E come ce l'hai fatta una volta, sono sicura che ce la farai di nuovo :) Il fatto che tu abbia una bilancia è comunque positivo, perché così puoi realmente tenere sotto controllo la situazione.
Ti abbraccio, mamma... Sei forte!
Diana

Anonimo ha detto...

accidenti, brutta storia. Ma Cup, non puoi provare a cercare un dietologo o una cosa del genere lì a Londra? lo so che costa, però piuttosto di stare così..
ClairedeLune

Strega ha detto...

NOOOOOO :( topa noooo dai rimettiti in fase giusta amore mio su tirati su di corda e via .... riparti da qui

Anonimo ha detto...

Non è necessariamente vero che la dieta precedente fosse troppo restrittiva. Forse voi non avete idea di cosa è in grado di mangiare una persona che soffre di binge. Prendere 10 kg o più in 2-3 mesi è più che possibile!!

Anonimo ha detto...

Se vai all'NHS ti fanno tutto gratis, puoi anche metterti in lista e ricominciare un po' di terapia...Almeno l'idea di farlo penso che possa aiutarti a rimetterti in sesto.

Mica vuoi tornare così indietro dopo che hai fatto un passo avanti così grande (i.e. andare a vivere da sola)!?

Se hai bisogno (o anche se no) fatti sentire :)


LS

Anonimo ha detto...

la balena è andata a spiaggiarsi a londra!

Anonimo ha detto...

ma scusate se una arriva a londra e si rimpinza di muffin, specialità ipercaloriche londinesi ecc ecc e mette su molto peso deve essere per forza colpa del binge?? non può essere semplicemente che, dopo mesi e mesi di dieta e complice il trasferimento, lei si sia semplicemente lasciata andare mangiando tutto ciò che non ha potuto mangiare per mesi entrando in un vortice di cibo senza fine?? io stessa, che non ho disturbi alimentari, quando mi capita di mangiare schifezze per giorni (tipo in viaggio) faccio una gran fatica a rimettermi in carreggiata, a volte passano mesi!! perché è ovvio che dopo giorni di torte al pollo e formaggio, brownies e snack sia estremamente difficile rimettersi nel piatto pollo ai ferri e insalatina. Io non dubito che tu in passato possa avere avuto dei problemi, e che tu ne abbia ancora adesso (sicuramente andare da uno psicologo potrebbe esserti d'aiuto) ma mi sembra esagerato giustificarti e catalogarti come una malata psichiatrica da dsm ogni volta che perdi la retta via...

Anonimo ha detto...

...si ma non ti scoraggiare, anche se il periodo è negativo da quel punto di vista. Purtroppo lo so, quando si hanno certi rapporti con il cibo e conseguentemente con il peso, si tende a far girare l'umore, la voglia di fare, una bella percentuale di serenità, intorno a quello...non va bene. E' quello, prima ancora del peso e della dieta, che va cambiato.
Andrebbe seguito un percorso che preveda, si una dieta, ma secondo me(e non solo secondo me)per chi ha certi problemi non va bene una troppo limitante. Intendo dire che se tu brami certi cibi e quella dieta te li esclude categoricamente, o non ti dà una valida alternativa, finisce che passato il periodo di forte controllo (dove ti senti forte, motivata e di ottimo umore)ricadi puntualmente nel solito circolo vizioso. L'ideale sarebbe mangiare tutto, anche qualche schifezza (piano piano ti passa la voglia, credimi e invece di 20 biscotti ne mangerai 2)e non abituare il fisico a periodi di carestia seguiti da altri di provviste, altrimenti, proprio fisiologicamente, tende a riportarti inevitabilmente al peso iniziale.
La volontà inizia ad entrarci ben poco con tutto questo ed i nutrizionisti dovrebbero conoscere "la teoria del set point" (cercala anche tu per farti un'idea).
Ovviamente è da considerare tutta la sfera psicologica e l'equilibrio che oscillano insieme ai numeri della bilancia.
Il mio consiglio, se ti serve, è quello di prendere una strada diversa dalle diete che hai fatto finora iniziando a limitare le quantità di certi cibi in modo naturale e senza escluderli.
Non dimagrirai velocemente come con le altre diete, ovvio, ma dimagrirai lo stesso e soprattutto investendo a lungo termine.
Inutile, le diete salutistiche, restrittive, che ti limitano socialmente e non, che creano dei cibi proibiti, non funzionano a vita, soprattutto per chi ha uno strano rapporto col cibo.
Ti scrivo in base alla mia esperienza, poi ognuno sceglie quello che meglio crede. Per esempio, ogni giorno io mangio qualcosa di dolce, anche quando penso "potrei evitarlo". Questo perché, l'ho sperimentato, mi evita quella pulsione a mangiarne una quantità smodata dopo un periodo di deficit e dunque la frustrazione di ingrassare 10kg in brevissimo tempo che ti scompensa da ogni punto di vista.

Siska

Anonimo ha detto...

dopo le feste saranno 100 kg come prima della dieta, complimenti eh!

tedda ha detto...

Quoto Siska. Se hai voglia di dolce, mangialo. "Fregatene" della dieta e infilati in bocca una cucchiaiata di nutella. Assaporala, gustala, poi chiudi il barattolo e rimettilo a posto. Magari passerai una settimana a mangiarne anche più di un cucchiaio al giorno, ma passati quei sette giorni, ti passerà la smania e tornerai a vederla per quello che é: una stupida nutella.
Così per il resto. Inizia a pensare in termini di benessere e serenità invece che in kg e kcal.
So cosa provi, ho passato sei anni a prendere, perdere, riprendere peso (pesavo più di novanta kg per 170..).
Sto piano piano acquisendo un mio equilibrio, e non è certo merito della dieta che ho fatto un anno fa.
Ascoltati e inizia a volerti bene. Se ti vuoi bene, sai quando è il caso di smettere con i muffins e farti una passeggiata. A quel punto puoi anche mangiarne uno al giorno, a patto che sia in totale armonia con le esigenze del tuo corpo. Moderarsi con il cibo non è solo una questione di linea, ma anche una questione di rispetto. Pensa ogni volta a tutti gli additivi, coloranti e merde varie che ci sono dentro un brownie o dentro delle pringles. Sono buoni, ok, ma abusandone fotti organi e cervello.
Respira e non farti prendere dal panico.
Il binge è solo questo: paura di.
E non frenarti dal chiedere aiuto, se hai bisogno.

Un abbraccio

Anonimo ha detto...

Sono tutti psicologi, nutrizionisti e life coach su questo blog.... Guardate se c'è una cosa che non si fa è che non si deve fare, per nessun motivo al mondo, è dare consigli.... "sparati una cucchiaiata di nutella al giorno, mangia un dolce tutti i giorni, impara a volerti bene"... Sì ok veramente bello tutto questo blabla ma avete mai sentito parlare di individualità? Ciò che va bene a te non significa vada bene anche a me... L'unica, secondo me, è lasciar perdere tutta questa marea di parole, che ti creano solo confusione, e andare da qualcuno che ti insegni veramente a conoscere te stessa e a riflettere sulle tue problematiche. Uno psicologo ad esempio, magari appena sarai un po' più ferrata con l'inglese. Tutto il resto non ti serve a nulla.

Biankaneve ha detto...

io dico solo forza e coraggio, e non ti abbattere

Cupcakes ha detto...

Io non ho parlato di nessun binge in questopost, ma se tu sapessi cosa mangio da un paio di mesi a questa parte mi ci catalogheresti di sicuro, Anonimo 17:58.

Simili quantità e stati d'animo, non ne vedevo né sentivo da un paio d'anni di sicuro.

A tutte le altre va un grande GRAZIE.
La mia mente crede che a 80 chili io sia carina (non mi sembra sia un peso da stecchino, eppure quando quest'estate pesavo 80 chili stavo meravigliosamente) e che al di sopra io faccia pena. Non c'è nessun pensiero ed autocinvincimento che tenga, purtroppo. L'inglese non lo capisco bene e non sarei assolutamente in grado di capire e rispondere per mezz'ora o un'ora ad un dottore, purtroppo =(

Veronica Zoccheddu ha detto...

Ciao Giuliana,
Mi dispiace molto sentire di questo aumento, e in effetti questo secondo me conferma le teorie di chi ti diceva che se mangi tofu, pollo alla piastra e 80 grammi di pane al giorno per sei mesi (per dire) poi sara' difficile una volta sgarrato rimettersi a posto. La dieta e' soprattutto questione di stile di vita, di mantenimento continuo. Oltre al peso pero', e alla salute di conseguenza, davvero credo che chi ti consiglia un aiuto psicologico abbia ragione, perche' davvero credo che alla base non sia solo gola o mancanza di volonta, indolenza, ma soprattutto un grande malessere dentro. Se tu stessa sai che a 80 kg stai bene (non devi essere un giunco, il tuo fisico non e' fatto per esserlo, devi solo stare bene ed essere armoniosa) perche' farsi del male? essere arrivata a 80 chili avrebbe dovuto solo spronarti a continuare, e invece sei tornata a farti del male.
Un abbraccio forte.

Saruzza ha detto...

Tieni duro, tutto qui. La colpa è solo tua (nostra, perchè anche io ho un problema simile), ma non lo dico per demoralizzarti ma per spronarti. La colpa è nostra, ma noi siamo persone forte che in diversi ambiti hanno dimostrato di avere carattere...dimostriamolo anche qui. Per te, nuovamente...visto che hai già dato prova di saperlo fare!!! In bocca al lupo, supererai anche questa, tranquilla! Ti abbraccio

Anonimo ha detto...

Magnate altre 9 ciambelle e arrivi a 100!!!

Anonimo ha detto...

se te la senti, scrivi qui quello che mangi ogni giorno, per una settimana. Includendo ogni tazza di the, caramella, o frutto. Senza autoingannarti non menzionando cose che hai mangiaro per far sembrare il diario migliore, o limitandoti per una settimana. Mangia quello che mangi normalmente, e diccelo.
Come sai anch'io vivo in Uk, e mangio doghnuts un paio di volte a settimana, cioccolata, pasta, verdura, ieri un panino al burgher king.. mangio normalmente (secondo me), insomma. Vorrei confrontare quel che mangi tu e quel che mangio io, non e' facile confrontarsi con quel che si mangia in Italia perche' le tentazioni qui sono diverse. Confrontati con me, e ti diro' se quel che mangi e' fuori dal mondo, e se e' una dieta che vedo comunemente (son 7 anni che sto qui, ho visto un bel po' di persone e abitudini alimentari..) e che ad altri non fa l'effetto che fa a te.
Gio (UK)

Anonimo ha detto...

Ciao Giuliana,

seguo il tuo blog dal lontano 2007 (!), anche se un po' a singhiozzo, nel senso che magari ci ricapito una volta all'anno, ma mi fa sempre piacere leggere di te:)
Per farla breve ti dico: ho 26 anni e fino ad ora ho fatto, grazie a borse di studio varie, 3 lunghe esperienze all'estero (una di un anno, una di una anno e mezzo e una, che sto vivendo ora, di 7 mesi). In tutte ho avuto seri problemi con il cibo. Nella prima sono arrivata a circa 90 kili a partire da 68. Al rientro in italiano sono poi dimagrita gradualmente fino ad arrivare ai 62-63, senza fare alcuna dieta (mah...). Nella seconda, sono partita da 57 kg e arrivata a 75 kg, per poi ritornare verso i 60-62 kg prima di fare rientro in Italia (immagina le smagliature...non potrò mai posare nuda:)!). La terza la sto vivendo ora: peso 60 kg ma faccio un continuo su e giu di 1 o 2 kiletti, perché è un continuo abbuffarsi, digiunare, vomitare, dieta stretta, riabbuffarsi. Il fatto che ormai io riesca a tenere sotto controllo il peso (e qui l'esperienza conta tanto) non significa che abbia un rapporto sano con il cibo, anzi. Anche io vedo che non appena decido di cercare di dimagrire e restringo la mia alimentazione cominciano le abbuffate. Mi rendo conto che è un circolo vizioso (tutti i commenti lasciati sono moolto validi) ma io, personalmente, non riesco a spezzarlo... ti risparmio i consigli sullo stile di vita sano perché sarebbe davvero il maiale che dice porco alla colomba. Ti dico però che ti capisco perfettamente: so cosa vuol dire sentirsi soli in un paese diverso dal tuo e aggrapparsi al cibo. Non so se ti può aiutare, ma una strategia che mi ha aiutato a rimanere sui 60 kg negli ultimi 2 o 3 anni (in Italia, però) era mangiare e si, anche abbuffarmi, nei limiti, ma farlo nella prima parte della giornata. Sapere che potevo mangiare quello che volevo ma solo fino alle 11-13, mi ha aiutato in due modi: da una parte hai più tempo per bruciare ciò che mangi, dall'altra eviti di mangiare come se non ci fosse una domani perché sai che il giorno dopo, la mattina dopo, potrai mangiare di nuovo. NON DICO ASSOLUTAMENTE CHE SIA SANO! Però, da persona che ha problemi di alimentazione che peggiorano ulteriormente quando ingrasso, ha funzionato come 'male minore' e per arginare ansie peggiori...
Ti sono vicina e ti capisco:)
Anna

Anonimo ha detto...

La vita a Londra è talmente una schifezza che per compensare noia, solitudine e orari improponibili ti abbuffi di schifezze ad ogni ora del giorno? Ma chi te l'ha fatto fare dico io....

Anonimo ha detto...

Io sono dell'idea che oltre alla dieta quello che ti manca e' fare movimento. Palestra, piscina ma anche farsi delle belle camminate...alla fine non hai mai lavorato fino ad ora per cui tempo per farlo ne hai avuto.

Mettici un po' di impegno e vedrai che i risultati ci saranno.

Anonimo ha detto...

mamma mia alcuni anonimi sono davvero cattivi!
Non scoraggiarti! Forza, ce la puoi fare :)

Anonimo ha detto...

A Me sinceramente Londra non piace e vabè...Dovessi mai trasferirmi sceglierei Parigi e sono sicura che avrei così tante cose da fare e da vedere dopo il lavoro che non troverei neppure il tempo per mangiare credo,comunque da quanto ho capito te ami Londra quanto io Parigi dunque non capisco...Esci,fai cose,conosci gente,cammina,gira...Infilati una felpa,scarpe da ginnastica e corri,corri fino a che non stramazzi al suolo...qualsiasi cosa insomma ma non mangiare,ci vuole tanta volonta,davvero tanta...devi volerlo...In bocca al lupo,sei una ragazza in gamba forza ;)

Anonimo ha detto...

Pare che tra i tuoi haters ci sia anche un ultracinquantenne che ti dedica un'attenzione alquanto esagerata, hai idea di chi possa essere? Pare strano che qualcuno di quell'età ce l'abbia con te in tal modo conoscendoti solo dal web, deve esserci qualche motivo personale dietro...fossi in te indagherei, il peggior smacco per certi malati è venir scoperti....e sopportare insulti e quant'altro facendo finta di niente, lasciando che certa gente la passi sempre liscia è l'atteggiamento più sbagliato in assoluto, un po come subire violenza e lasciar correre senza denunciare.

Sluggard ha detto...

Cup, sono noiosa come l'atto di dolore, ma te lo ripeto: ti devi abituare ai ritmi lavorativi e imparare a gestire la tua vita al di fuori di questi.

Ovvio che se stai 8 ore a lavorare e passi le restanti 14 a ingozzarti e dormire ingrassi, non c'è nemmeno bisogno d'avere un DCA (infatti il cambio d'orario fa male alla panza di tutti quelli che non hanno un metabolismo a prova di bomba, fosse solo il passaggio da superiori a uni)...

Impara a gestirti gli orari, togliti dalla testa il centesimo fiocchino e la centoquarantesima borsa e vai a iscriverti in palestra, in piscina, a un corso di pilates, qualsiasi cosa possa essere compatibile con i tuoi orari e la cui frequenza sia fattibile.

E smettila di focalizzarti sull'idea che o mangi una carota e un hamburger di soia oppure puoi strafogarti quanto vuoi che ormai la giornata è perduta e ricominci domani...

Comunque ho capito il motivo principale per il quale non smetto mai di seguirti: sei lo Zeno Cosini di Catania.
:)

PS: Chi è il cinquantenne?!

Anonimo ha detto...

A quanto pare il 50enne è Steven... l'hanno smascherato sul suo nuovo blog. Io fossi nella Cup ci farei attenzione, le cose che hanno scritto su di lui sono quantomeno inquietanti... e lui sembra avere una vera e propria fissazione per lei.

tedda ha detto...

Anonimo 20.11

Giusto per puntualizzare.. e lo faccio fondamentalmente per l'autrice del blog: non voglio dare nessuna lezione di vita o benessere spicciolo.. dal bassissimissimo della mia esperienza, posso solo consigliarle quello che su di me e tante altre ha funzionato. Concentrarsi più sulle sensazioni che sulle porzioni, ascoltare la stanchezza e non frustrarsi per qualunque cosa non vada secondo le proprie tabelle di marcia. Al tempo stesso, se ancora non ti è scattato quel clic in testa per cui non riesci a riavere tutto sotto controllo.. amen! Prenditi tempo e cerca di capire cosa realmente vuoi e in cosa vuoi focalizzare la tua attenzione.
Ci sono passata così tante volte durante gli ultimi anni e così tante volte ho sfiorato a causa di questa dipendenza dal cibo patologie ben più gravi, che posso solo sperare che la mia esperienza serva ad aiutare qualcuno. Daidaidai che qualcuno che ti capisce c'è!

Cupcakes ha detto...

Io non credo proprio che Steven sia un cinquantenne frustrato solo perchè qualcuna pensa che lo sia in base alla propria esperienza con un utente anonimo/stalker simile.

Resto dell'idea che Steven sia una donna e che sia un troll, per cui pazienza e buonanotte al secchio. Al mio paese si consiglia "Don't feed the troll", ed è ciò che io faccio in base al periodo (tipo, ultimamente i suoi commenti li cancello direttamente anche se non sono polemici, giusto per evitare a voi di rispondergli).

Per quanto riguarda dieta e affini: la palestra e lo sporti in generale sarebbero ciò che ci vuol per me, ma in questo momento e peiodo potrei fare SOLO attrezzi, e non so se è il caso di gonfiare i muscoli quando sono circondati da spessi strati di grasso.
Non posso fare nessun tipo di sport che comprenda l'uso degli arti inferiori perchè non ho quasi più la sensibilità a piedi, gambe, cosce e bacino, oltre che forti dolori alla schiena. Sto praticamente cadendo a pezzi: fate conto che la notte prendo il bus camminando per un km, e al ritorno dal lavoro prendo due bus perchè non sono in grado neanche di fare quattro passi.

Anonimo ha detto...

e perché stai così male, scusa?
Intendo alle gambe.

Cupcakes ha detto...

Io soffro di scoliosi e l'ortopedico mi disse già ai tempi che al massimo avrei potuto fare piscina o camminate e non altri tipi di sport per evitare un sovraccarico su gambe e schiena.

In più si aggiunge il dolore ai piedi dopo le ore ferma al lavoro (non ferma, ma stare in piedi dietro un bancone non è come camminare per chilometri riattivando la circolazione). Ed il bruciore.

Veronica Zoccheddu ha detto...

Ciao Giuliana, io ti consiglierei la piscina a questo punto. Penso che a Londra ci siano orari di apertura compatibili con i tuoi orari. Immagino i disagi e i dolori, ma ti assicuro che quando ho cominciato a fare sport anche io avevo spesso le gambe morte (lavoravo in ristorante)ma dopo i primi periodi di sofferenza anche i dolori sono stati alleviati! Il corpo era piu allenato, al punto che mi stancavo persino di meno al lavoroe, e in piu scaricavo la tensione.In ogni caso, l'alimentazione da sola non basta, e per la piscina/palestra non badare a spese.

Anonimo ha detto...

sai qual'è la prima cosa che devi fare per evitare inutili sovraccarichi sulla schiena? dimagrire.
e se non vuoi nutrire il troll evita di parlarne e cancella tutti i commenti che si riferiscono al troll, compresi quelli di sluggard che brama per discutere quando è qui, la esaltano solo le discussioni trash ma di consigliare e commentare i tuoi post non gliene importa nulla (il suo commento stranamente è apparso appena si è parlato di troll, che caso).

Anonimo ha detto...

il troll riesce a risalire a id e altre cose, quindi non credo sia una tua ex amichetta avvelenata, ma qualcuno un po' più grande, che lavora in un luogo a cui può aver accesso a certi dati, e che ti conosce. comunque pensala come vuoi, finché ci sono persone come te che si fanno buttare addosso merda senza intervenire, sarà sempre pieno di questi malati che si sentono autorizzati a dire e fare quello che vogliono, visto che non hanno la minima paura che qualcuno possa indagare più a fondo e smascherarli.
il periodo comunque è una rovina per la dieta, tra tutte le prelibatezze e l'atmosfera natalizia...tutto mette appetito, in questo periodo.

ellee ha detto...

Anche io ti consiglio la piscina. Io avevo i tuoi stessi problemi alle gambe, la sera quando tornavo a casa dopo 9 ore seduta in uffici mi facevano malissimo ed erano gonfissime. Adesso è quasi due mesi che vado in piscina e faccio acquagym e mi sento MOLTO meglio, non ho più le gambe gonfie e doloranti, faccio attività fisica che va sempre bene e scarico la tensione. Certo per permettermela ho dovuto fare qualche rinuncia ma preferisco spendere per la salute che per la quattro-milionesima borsa o il duecentesimo paio di scarpe che sono cmq cose fine a se stesse.......

Anonimo ha detto...

No ti prego, Steven fa paura ti prego Giuliana denuncialo, non lasciare che queste persone continuino a circolare impunite per la rete (e nella vita reale)

Sara ha detto...

secondo me Steven non è una donna e tantomeno un cinquantenne. Certamente è un ragazzo, logorroico, meridionale, molto annoiato, poco compreso e incredibilmente solo. La sua ironia saltuariamente tocca livelli da 6 - 6.5, ma poi ricade nella sfiga, il che ci da spunti di riflessione sul perchè sia disadattato.
Dice sempre le stesse cose, usa sempre gli stessi termini, ogni tanto mostra una certa sensibilità, ma poi la cela subito perchè è stato abituato a essere colpito sulle sue debolezze, quindi prevalgono il rancore e quella vena di sadismo che lo rende attraente a te, Giuliana, che erroneamente sospetti che lui sia "un personaggio" tanto originale da poter essere il tuo migliore amico nella vita. Patetico.

Io farei in modo di rintracciarlo, non penso proprio che riuscirei a convivere con la curiosità di non sapere chi è.

Sara
(una tua lettrice affezionata)

Anonimo ha detto...

Io sono dell'idea che Steven sia il 50enne come descritto dalla ragazza che l'ha beccato. Leggetevi il loro scambio nei commenti al suo blog... è evidente che lui si senta colpito, per quanto finga di darle corda, le risposte che le dà tradiscono insofferenza e sembrano confermare che tra i due ci sia stato un qualche rapporto... inoltre, da quell'intervento, Steven ha stranamente smesso di commentare questo blog, i toni nel suo sono diventati molto più tranquilli, e i post molto più distanziati nel tempo. Ripeto: stacci attenta, Cup.

Cupcakes ha detto...

Forse sono troppo ingenua io, ma a me cosa me ne può fregare se Steven sia maschio o femmina, se abbia 20 o 50 anni? Non mi è mai passato per la mente di fare una ricerca su questa persona o di cercare il suo id o la città di provenienza... per me potrebbe essere la mia vicina di casa o uno sconosciuto nonno che vive in Perù. E sia che fosse l'una che l'altro, non cambierebbe nulla nella mia mente.

Per me Steven non esiste al di fuori del web, quindi non penso a chi sia nella vita reale.
Non ho paura al pensiero che potrebbe uccidermi o venire a Seven Sisters. Per quanto mi riguarda potrei anche dargli il mio indirizzo con numero civico e so che non farebbe comunque niente. Si trtta di una persona che scrive insulti sul web, non nella vita reale. E il web non ha "indirizzo" (vabbè, ci siamo capiti).

.

RamyRamy ha detto...

Giuly mi dispiace molto, anche se ti capisco perchè i pantaloni dell'anno scorso a me non entrano più..per cui...
però non è tutto perso, sono 91, non 110 e passa... se ti rimetti in carreggiata sicuramente tornerai come prima!

Anonimo ha detto...

Ma che cazzo scrivi??

Anonimo ha detto...

Se penso alla puzza che emani mi viene il vomito

Cupcakes ha detto...

Va bene, la smettete di parlare di Steve o devo perdere preziosi minuti a cancellare ogni volta i vostri commenti?

Se Steve non è una mia preoccupazione, perchè dovreste preoccuparvene voi?

Anonimo ha detto...

Va bene giuliana, allora continua a fregartene. La verità è che non hai le palle, ne la voglia di denunciare il fatto alla polizia postale (e un blog in cui ad una persona vengono augurati stupri e quant'altro fidati che è più che denunciabile). È proprio grazie a questo atteggiamento menefreghista e del "lasciar correre" che molti stronzi, bulli, malati di mente pensano di poter fare quello che vogliono come se il mondo fosse casa loro e le persone i loro giocattoli...ti piace farti mettere i piedi in testa ed essere oggetto di vessazioni continue? Credi che l'atteggiamento migliore sia fregarsene? Pensi di avere di meglio di cui occuparti? RENDITI CONTO, giuliana.

Cupcakes ha detto...

Le palle?
Ma cosa dovrei denunciare?
Minacce sul web?
Ragazzi, ma voi siete sempre esagerati.
Nella vita reale ho ricevuto minacce, aggressioni, inseguimenti?
NO. Il mio corpo è reale, non virtuale... e del virtuale non mi curo, perchè per me non ha valore.
Per me, ripeto. Chi si sente vittima di cyberbullismo denunci pure, per me il cyberbullismo non è cyberbullismo. Non è niente. E' scrivere cavolate.
Se dovessi notare stranezze reali riconducibili alle minacce virtuali ci potrei pensare a fare una denuncia, ma finchè si tratta di parole di un blog, per me sarebbe RIDICOLO scomodare la polizia postale.

Farmi mettere i piedi in testa?

Qui state prendendo voi troppo seriamente una cosa da niente: la gente dietro lo schermo dice di tutto. Io sinceramente non mi sentirei fiera di me stessa se mandassi in galera o sporcassi la fedina penale di una persona "solo" perchè nella sua scrivania o a letto si mette a scrivere cavolate.

Sarò io troppo buona o troppo fessa?

.

Anonimo ha detto...

Entrambe. Il mondo virtuale sarà anche virtuale ma non siamo animali giuliana. Per me una persona che magari ha una famiglia, lavora, ma che nel piccolo della sua stanzetta insulta e augura stupri come se piovesse, può benissimo ricevere una denuncia a casa e sporcarsi la fedina penale. Che razza di persona può essere, me lo spieghi? Non sono semplici critiche o prese in giro. Qui nessuno è esagerato, semmai sei tu che lasci correre un po' troppo (difatti chiediti perché, guarda caso, sono in così tanti a prendersela con te. Forse per il tuo atteggiamento molto accomodante, ci hai pensato?).

Cupcakes ha detto...

La mia psicoterapeuta una volta mi disse: "non mi preoccuperei tanto di insulti e critiche. Mi chiederei perchè io non mi offenda ricevendole e permetta agli altri di sfogarsi su di me".
Ad oggi non ho trovato una risposta. E non è perchè io penso di meritarmeli e cose simili ovviamente.

Anonimo ha detto...

Ma al fatto che uno come Steve o chiamalo troll o quello che vuoi possa smettere di prendersela con te e attaccare una ragazzina più debole non ci pensi?
E' grazie a chi la pensa come la pensi tu che questa merda di gente è libera di fare ciò che vuole.

Ti augura stupri e aggressioni capisci? Non ti ha detto che sei una culona grassona... la cos è trascesa e fa paura. E te ne freghi... siamo noi i pazzi apprensivi. Giuliana svegliati perchè tu non sati bene, non stai bene proprio per niente!!!!! Leggendo anche il blog di tua sorella mi chiedo che problematiche e din amiche familiari si celino dietro a tiutto ciò.

Cupcakes ha detto...

Anonima, non so che tipo di problemi abbiamo, dato che non l'abbiamo capito neanche dopo anni di terapie. Ma credo dipenda dalla parte familiare materna (mia mamma e mia nonna prima di lei... dato che anche le mie zie, a mio parere, hanno una strana psiche come mia madre, me e le mie sorelle).

Pazienza.