27 novembre 2012

Martedì 27 Novembre 2012

Dormire di pomeriggio e svegliarsi alle ore 22.

E mi dovrei abituare a questi orari dunque?

Non penso proprio.

Non ho niente da scrivere.

Sono di umore nero.

-.-

.

104 commenti:

Anonimo ha detto...

Scusami tanto sai, capisco pure che ti scocci, ma potresti una volta tanto renderti conto che non sei nè l'unica persona al mondo a lavorare, nè l'unica a fare orari scomodi. Pensa ai medici e agli infermieri del pronto soccorso, a chi pulisce gli uffici durante la notte perché al mattino siano pronti, a chi lavora nei cinema, nei teatri, e nelle discoteche (e non lo fa per divertirsi), ai baristi e benzinai degli autogrill, insomma: a tutta una immensa popolazione mondiale di persone che lavorano anche ad orari di merda, l'ha sempre fatto e continuerà a farlo. Sembra sempre che caschi dal pero, Giuliana... La vita è così, è scocciosa talvolta, e ogni santo giorno si lavora eccetera. Fai degli orari di merda? Pazienta! Sei all'estero, non sai la lingua, non hai un titolo di studio nè precedenti esperienze significative... Che diamine hai da lamentarti! Fatti il culo un po', finché non impari il maledetto inglese, senza lagnarti sempre, e vedrai che troverai di meglio. Sembra cent'anni che sgobbi e invece sarà un mese e mezzo!

Anonimo ha detto...

Perché la vita deve essere per forza fare orari di merda, farsi il culo, buttare via gli anni migliori per assicurarsi un futuro sereno (che poi il futuro è ciò che di più incerto esista)? Chi l'ha deciso che la vita va vissuta a questo modo? Che tristezza... Giuliana fatti il culo, sii triste, tutto il mondo l'ha sempre fatto...l'essere umano ha proprio inculcato in testa questo pensiero...che tristezza...

Anonimo ha detto...

Beh allora si può sempre vivere sotto i ponti, mangiare quello che cade dalla strada o niente, vivere di carità e vestirsi di cartoni, no?
Purtroppo però la gente dei ponti non ha i soprammobilini col cupcakes, la tv, 120 borse e altrettante paia di scarpe, i rossetti, gli smaltini...
Chi vuole QUESTA "felicità" dovrà pur sgobbare per poterla mantenere, che se giuliana si svegliasse sotto al ponte col canto degli uccellini, e vivesse la sua vita bucolica e senza orari, godendosi questi benedetti anni (chissà come poi, tizio del commento sopra) sicuramente non si lamenterebbe MAI sul suo blog, no nno, ahahahah.
La verità è che la felicità è difficile, ma c'è gente per cui la felicità è seppellire sotto un mare di vaghe lamentele l'urgenza di fare qualcosa per migliorare se stessi e la propria posizione. E giuliana è una di queste persone, punto.

Hyatt

Cupcakes ha detto...

Mio padre lavora con turni alle 4 di mattina da una vita, eppure dopo 30 anni continua ancora a "bruciarsi" i pomeriggi dormendo e tornando a casa stanco.

Quindi chi fa lavori stancanti o con orari assurdi non può lamentarsi? Oppure ha una scadenza per farlo, tipo dopo un mese no e dopo dieci anni sì?

Io in due mesi ho visto andare via un collega e altri due stanno per andare via perchè non reggono gli orari. Ragazzi più giovani di me e in training come me. Si sono stufati dopo DUE SETTIMANE. Sono condannabili per questo?
Sono condannabile io perchè voglio lamentarmene? Non credo.

Hyatt , tu la poni in negativo ma per me non lo è. Io amo lamentarmi, mi rilassa e mi stare meglio... per cui mi rende più "felice" il farlo.

Veronica Zoccheddu ha detto...

Mah, la vita non deve essere di certo una strada di dolore e sacrificio, del resto penso che qualora Giuliana trovasse di meglio, non esiterebbe a lasciare questo posto. Difatti fa molto bene a godersi il tempo libero e i giorni di riposo andandose in giro, visitando, vedendo amcici e facendo un pranzo fuori, proprio perche se c'e una cosa deprimente e' il casa-lavoro-mangiare-dormire, che tra l'altro fa pure ingrassare,in certi casi. E ha pure il diritto di lamentarsene, visto che la fa stare meglio.
Pero' e' vero che e' l'inizio, che non hai competenze, che dunque sarebbe stato molto difficile trovare un posto in ufficio otto ore al giorno, per dire. E non credere che una commessa se la passi meglio, forse a livello di orari ma non certo a livello di gambe. Magari non ci dovrai passare la vita (te lo auguro)pero' si chiama lavoro, semplicemente, e scazzi ce ne sono sempre, in qualsiasi posto e a qualsiasi ora.

Strega ha detto...

Ti abbraccio CUP anche se solo virtualmente.... <3 dai cerca di rilassarti :( anche se è dura lontano da casa... un bacino tesoro mio

Anonimo ha detto...

Giuliana io faccio l'infermiera in un grosso pronto soccorso e mi faccio 2 notti a settimana in piedi. L'ho scelto, lo sceglierei di nuovo e sono fiera e felice del mio lavoro. Ti invito a riflettere sul fatto che l'ultima tua notte insonne risalirà al capodanno scorso!! Tristezza

Anonimo ha detto...

Ma chisssenefrega che tu fai l'infermiera e ti piace, qualcuno te l'ha chiesto? che c'entra con la situazione di giuliana, secondo te lei ha preso il lavoro di caffè nero come la sta vita, la sua missione, perciò non dovrebbe pesarle farsi le notti?? Riflettete prima di parlare, questi paragoni idioti sono insopportabili.
Del resto non capisco nemmeno perché gente come hyatt venga a commentarti, visto che vengono qua unicamente per riversare la loro bile. Tra l'altro o una si fa il culo ad orari improponibili oppure sta sotto un ponte? Questa cosa dovete spiegarmela. Magari non un lavoro diurno sarebbe comunque stanca, ma avrebbe meno di cui lamentarsi e si potrebbe godere un po' la vita e Londra come è giusto che qualsiasi 25 enne faccia (non capirò mai chi dice che la vita si gode dopo la pensione, ma che vuol dire?)
Cazzo una si lamenta perché è stanca e subito voi giù a criticare, a dire che la vita è così, che non ha diritto a lamentarsi....ma cosa siamo, robot?? Ma smettetela! L'anonimo di mezzanotte

Cupcakes ha detto...

E comunque, scusate se mi permetto, ma un'infermiera o mio padre faranno i turni notturni e sono liberi di stancarsi... Ma guadagnano più del doppio di quanto guadagni io! Per cui sì, lavorare di giorno è meglio ma chi lavora la notte dovrebbe almeno avere una paga per cui ne valga la pena!

Anonimo ha detto...

Io penso che piangersi addosso e lamentarsi sia comunque inutile. A volte i sacrifici sono necessari e comunque si tratta di un periodo transitorio. Questo non vuol dire che uno debba essere "felice di sgobbare e farsi il culo".. ma anche disperarsi mi sembra piuttosto inutile e infantile. Cercare di avere un atteggiamento positivo secondo me è sempre la cosa migliore. Dalla serie: sgobbare è faticoso ma lo faccio per me, per la mia indipendenza, per poter coronare il mio sogno di vivere a Londra, in attesa di un'occasione migliore.

Anonimo ha detto...

gl unici lavori che vengono pagati bene sono quelli che richiedono competenze specifiche (infermiera, appunto). Finché farai qualcosa che chiunque potrebbe fare avrai uno stipendio basso e sarai a rischio licenziamento.

Anonimo ha detto...

Mamma mia Giulià, trasferirsi a Londra doveva essere il grande salto invece stai regredendo alla grande.
Ma tornatene nell'isola che almeno negli ultimi mesi eri diventata una personcina più allegra. Te lo dico col cuore.
Cià.

Anonimo ha detto...

Io commento quanto mi pare, anonimo dalle visioni semplicistiche, e se tu non lo capisci, ce ne faremo tutti una ragione.
Non sono affatto biliosa, ho espresso un concetto che a me pare lapalissiano e che qua ancora fatica ad essere afferrato.
Per giuliana lamentarsi è la vita, lei vuole lamentarsi e non smetterà mai di farlo, anche se avesse questa fantomatica vita da giovane-moderna-yeah che si gode gli anni migliori.
E, giuliana, sì io la metto in tono negativo perché ho una visione un po' diversa delle cose, comunque per me tu sei liberissima di fare come credi, lamentele annesse. Ognuno, nei limiti del possibile, dovrebbe viversi la vita come meglio crede, di grazia.

Hyatt

Anonimo ha detto...

Il punto è che se si ambisce ad altro nella vita si studia, ci si impegna e si cerca di fare esperienza il più possibile.

Qui parliamo di una ragazza che aveva il grande sogno di andare a vivere a Londra e non si è presa nemmeno la briga di fare un corso d'inglese serio in Italia prima di partire!

E' inutile dire: poverina, è una transizione ecc ecc.
A quale posto ambirebbe una che non ha arte e nè parte? Quello di commessa diurna? Ma per favore!

Alla fine della fiera ognuno ha quello che merita. Potrei sentirmi di dispiacermi solo per una persona che le capacità le ha e si è impegnato e ancoa non riesce a trovare ma non per Miss Cialtroneria. Siamo sinceri.

Anonimo ha detto...

sono l'anomino che ha scritto il primo commento. La domanda che pongo a quello che ha scritto dopo di me è: ma sai leggere? Io non ho detto che la vita è solo farsi il culo, ma semplicemente che la vita è ANCHE lavoro, e Giuliana questa cosa temo non l'abbia ancora capito perchè è da anni che si lamenta di ogni diavolo di lavoro che fa. Mi spiegate che lavoro avrebbe dovuto trovare una persona non qualificata, senza titoli di studio, e senza alcun precedente lavorativo utile? Ha trovato un lavoretto pesante di quelli che tipicamente fa chi è appena arrivato in un paese di cui non sa la lingua, e francamente a me sembra già molto che abbia trovato questo. Sarà un lavoro transitorio, magari lo abbandonerà lei tra poco, magari la licenzieranno, ne troverà poi un altro migliore e tanti saluti. Da che mondo e mondo si parte dal basso e si sale, soprattutto se si è pensato bene di non studiare nel xxi secolo,il secolo più di merda di sempre per i giovani che vogliono inserirsi nel mercato lavorativo.
Cosa avrà da lamentarsi la nostra Giuliana non si sa proprio. E' zero propositiva, zero attiva, zero tutto. ma cazzo, sei a lONDRA, ci sei sempre voluta andare...e adesso piagnucoli perchè lavori di notte...che palle! sei una infelice cronica, fai piangere dalla tristezza!
Guarda che se ti fossi messa in testa di studiare, avresti dovuto comunque farti già il culetto da tempo, studiando anche di sera tardi, come molti al mondo fanno, solo per te è tutto una novità.
Caschi dal pero, sempre.
Ma insomma, un po' di positività dannazione, sembri morta.

Cupcakes ha detto...

Come dice qualcuno, mi lamenterei anche se avessi un part time strapagato. Lamentarmi fa parte di me e MI PIACE UN SACCO farlo. Inoltre mi sono stufata dei vostri commenti classisti sul non studiare. Come vedete voi stessi, anchi chi studia finisce, se va bene, a lavorare da Ikea, quindi evitare di fare i saputelli con i vostri "chi non studia non puó pretendere". Chi non studia puó pretendere eccome... E viceversa, chi lo fa non deve per forza pretendere.

Cupcakes ha detto...

La laurea ti apre le porte della Medicina, dell'Architettura, della Giurisdizione (non so neanche se si dice così). Moltissime altre lauree sono fuffa, e non ho intenzione di pretendere meno o abbassare la cresta rapportandomi ad un laureato qualsiasi. Io valgo più di 6,19 pound l'ora anche se ho solo un diploma. E non si tratta di presunzione, bensì di semplice amor proprio. Eh sì, anche i diplomati possono avere delle ambizioni e, udite udite!, potrebbero realizzarsi anche senza laurea!

Anonimo ha detto...

ma io non ho capito perchè nel TUO blog non sei libera di lamentarti di cosa cavo lo ti pare quando su facebook la gente silamenta praticamente di qualsiasi cosa: tempo, lavoro, amici, televisione... Ma non credi che uno dovrebbe essere libero di fare cosa vuole senza ricevere sempre 100 commenti di gente assurda???? Perchè devi rispondere a gente così? E' il tuo blog, anche se volessi lamentarti dello spigolo dell'armadio nessuno deve permettersi di offenderti. Tutti si lamentano del lavoro, chi non ce l'ha e chi ce l'ha. se fai orari assurdi per pochi soldi non puoi lamentarti sul TUO blog, che arrivano ad offenderti!!!!!! Mandali tutti a quel paese.

Marta micheli

Anonimo ha detto...

ma tu cosa vorresti fare? Quali sono i tuoi progetti? Perché precedentemene avevi detto che andava bene anche fare la barista per sempre.

Anonimo ha detto...

Sei arrivata a Londra e hai accettato il primo lavoro che ti è capitato...cercane un altro, no? Non capisco cosa ci voglia...alla fine a fare la commessa o cameriera o lavapiatti si trova sempre qualcosa.

Cupcakes ha detto...

A me fare la barista piace, infatti. Se potessi farlo ad un orario umano ne sarei più felice però. E se potessi avere una paga superiore alla minima (cosa che molte catene di bar fanno ed hanno) sarei felice il doppio.

Per adesso non cerco un altro lavoro perchè, nonostante le lamentele (che mi piace fare... devo specificarlo ogni volta?), credo la gavetta un domani mi sarà utile. Fare un lavoro per due mesi o farlo per sei è differente. E poi chi lo sa, magari migliora, magari posso chiedere un trasferimento, magari mi licenziano loro...

Cupcakes ha detto...

Steven , sappi che cancello i tuoi commenti perchè alcune volte sono civili e altri no. Se comincerai a scriverne SOLO di civili (sia nei miei confronti che nei confronti delle anonime, quindi niente accuse e frecciate), li pubblicherò tutti. Se continuerai a fare metà e metà, emilimerò anche la metà positiva.

Steven a go go ha detto...

Va bene, allora diciamo che possiamo metterci amichevolmente d'accordo su di una tregua. Tu prometti di non scrivere piu' commenti fasulli e io metto una pietra sul passato, in fondo non sei male, ho notato che hai anche preso le mie difese quando le anonime rosicone mi insultavano .. quindi diciamo che siamo pari.

E per quel che riguarda il blog di tua sorella ( non ho ben capito se si chiama iris) .. che fai .. mi passi il linkuzzo cosí posso leggiucchiarmelo ?

Steven

www.stevenagogo.wordpress.com

Anonimo ha detto...

almeno abbi un po' di rispetto per le persone che studiano (e non solo medicina, giurisprudenza ed archittetura -.-) e si fanno il culo giorno per giorno cercando di impegnarsi e costruirsi un futuro, non di certo stando a casa a lamentarsi (sì lo sappiamo che è il tuo sport preferito, non serve che lo ripeti mille volte) aspettando che le occasioni piovano dal cielo. Piantala con l'inutile pantomima del "tanto la laurea non serve a un cazzo, tanto finirete tutti all'Ikea" e fatti gli affari tuoi senza sparare a zero sugli altri. Nessuno ti sta dicendo che i laureati sono i migliori e tu sei una merda, semplicemente è ovvio che se non hai specifiche competenze (che solo una laurea ti dà) non puoi pretendere di avere paghe alte o lavori super. Anche perchè lo dici pure tu che a te va bene di fare la barista a vita. Però basta con sti pregiudizi sulla laurea, hai veramente stufato.
X

Cupcakes ha detto...

Steven , non ho mai scritto commenti fasulli in tutta la mia grama ed inutile esistenza, per cui non posso ammettere il falso.

X , lo avrò quando le persone che si"spaccano il culo sui libri" (Anche se, concedimelo, un muratore con la quinta elementare il culo se lo spacca molto di più) rispetteranno me senza provare sempre ad insinuare che non avendo una laurea non posso ambire a nulla. Come se chi non avesse una laurea fosse una nullità e dovesse raccogliere arance per il resto della vita.
I pregiudizi sulla NON laurea li avte voi, quindi io sono libera di averli sulla laurea.
E poi vienimi tu a dire che competenze ti diano le varie lauree in Scienze delle Merendine (tipo quella in cui ero iscritta io.

Biankaneve ha detto...

Io concordo con chi ha detto che Giuliana nel suo blog può lamentarsi quanto vuole.
Io non la conosco quindi non sono di parte ma credo sia sacrosanto scrivere quel che ci pare e lamentarci se ci va.
Quello che poi sta sotto al lamento sono solo fatti suoi, scelte sue. Se non ci piace leggere lemantele basta non leggere questo blog.
Capisco che lei lo usi come diario di sfogo e non siamo nessuno per fare di ogni commento una guerra.

Anonimo ha detto...

Io sono curiosa di sapere quanto prendi e quante ore fai a settimana. Beh era scontato che fare la barista a Londra avresti avuto turni di notte...visto che e' una citta' grande i bar sono aperti ad ogni ora, te l'avranno detto anche al momento del contratto. Rimboccati la maniche e ricomincia da capo, non puoi cambiare citta' e buttarti giu' in questa maniera, non eri abituata a lavorare tutto qua. Vedrai che dopo un anno non ti pesera' nemmeno piu' fare questi orari.

Anonimo ha detto...

Parlare per parlare, ci sono anche persone che dopo anni e anni di turni di notte hanno avuto degli esaurimenti,(mia mamma è un'infermiera e c'è passata, tant'è che poi è stata trasferita in altri reparti dove non c'erano turni notturni, con conseguente abbassamento dello stipendio). Si fa presto a dire "milioni di persone lavorano con orari assurdi", è vero, ma quando tocca a noi c'è da vedere come ci prende e allora per quale motivo Giuliana non potrebbe lamentarsi?
Perché non ha referenze dicevate?
E allora?!...i diritti al lavoro e sul lavoro valgono per tutti, non è specificato il titolo di studio, così come il valore di una persona.
Può assolutamente ambire ad avere di meglio e nel frattempo tenersi questa situazione lamentandosene.
Sento sempre urlare allo scandalo quando un laureato super qualificato non trova impiego oppure è costretto a svolgere altre mansioni e sono d'accordo, ma è altrettanto uno scandalo quando è una persona senza alti titoli di studio a non trovare lavoro o doversi adattare a condizioni senza alcun diritto di scelta.
Il lavoro è un diritto per tutti e dovete pretendere che "vi rispetti" ...non è giusto accettare le briciole in silenzio, anche se ultimamente ci hanno inculcato che il peggio è meglio di niente e per questo non ci si dovrebbe lamentare.
Io con la proprietaria del blog sono concorde in rarissime occasioni, anche se ho commentato poche volte e su un altro argomento, anzi, penso addirittura di avere una visione sul 90% delle cose che tratta, altamente diversa dalla sua, ma stavolta non capisco veramente il senso degli attacchi.

Siska

Steven a go go ha detto...

Comunque il problema principale della ciamby, oltre al grasso ovviamente e al suo "carattere" ... diciamo cosi' che tende a crearsi molte inimicizie credo anche nel baretto.. dicevo è il fatto che lei non ha mai lavorato prima quando era in africa quindi questa esperienza lavorativa coi turni etc le risulta massacrante.

C'e' da dire pero' che dopo un tot di tempo a contratto, ammesso che tu sia regolarmente registrata come resident nel national registry della popolazione britannica, dopo aver versato i tuoi contributi puoi beneficiare degli unemployment benefits inclusivi di spese generali di mantenimento. Ora non so esattamente come siano le regole in gran bretagna visto che nei 27 stati dell'unione ogni paese ha una norma differente in materia .. ma di sicuro hai a disposizione cose che in africa e italia non ci sono ad esempio. In alcuni stati devi aver lavorato almeno 6 mesi all'anno per beneficiare dell'indennita' di disoccupazione e aver accesso alle housing accomodation del city council, in altri sono 8 mesi, in altri ancora 4 mesi .. ma tu di sicuro ti sarai gia' informata per quel che riguarda la tua situazione. Solo in africa non c'e' un cazzo di nulla... poi si lamentano che il paese italico vá a rotoli ed i pargoli rimangono a casa con le famiglie fino al raggiungimento dell'etá pensionabile.

Anonimo ha detto...

Voi ditemi se un ragazzo di 20-23 anni farebbe discorsi simili...io resto della mia idea...

Anonimo ha detto...

ha 50 anni..

Cupcakes ha detto...

Lavoro 35/40 ore a settimana. Le grandi catene, quindi non i bar privati, aprono verso le 7 di solito. Il bar dove lavoro io apre alle 4 perchè si trova all'interno di una stazione.

Steven , io lo dovrei cancellare il tuo commento. Ce la fai a scrivere normalmente come un essere umano civile o no?

Io benefit non ne chiedo perchè non sono una furbona come certa gente che c'è qua. Ho un lavoro e ho un contratto, quindi non starò ad elemosinare soldi dallo stato inglese. Mi ospitano e gliene sono grata, ci manca solo che metto a fare carte false per avere i loro soldi.
Sai quanta gente c'è qui che lavora in nero e poi chiede soldi dichiarandosi disoccupata? Sai quante ragazzine fanno figli per poi avere casa popolare e benefit?
Io preferisco lavorare e non chiedere niente a nessuno.

Anonimo ha detto...

giuliana, ma che discorsi, certo che un non laureato può ambire ad un lavoro decente, è un suo sacrosanto diritto! dicevo solo che è inutile che continui a sminuire noi universitari facendoci passare per fessi e senza speranza e dire che tu, dopo anni di fancazzismo e stagnamento nei vari H&M o Zara, dopo non esserti mai attivata e data una mossa per fare qualcosa (vedi i vari: eh, ma qui mi sottopagano, eh ma il call center no, e questo no e quell'altro no) pretendi di avere un lavoro con una paga migliore ("io non valgo 6 pounds l'ora") e orari più decenti. E comunque non sputare sul piatto in cui mangi, perchè mi sembra che la laurea ce l'hai aggiunta eccome al tuo cv...
X

Steven a go go ha detto...

Ciamby, ma prima dovresti maturare il tempo minimo annuale e nel tuo caso che sei arrivata da pochissimo non so esattamente come sia e poi comunque ti devono licenziare ovviamente, non è che puoi smollare il bar alla prima occasione. Per quel che riguarda l'assicurazione anti-infortuni come sei messa ?

PS. Non capisco a cosa ti riferisci nell'ultimo commento.

Steven

www.stevenagogo.wordpress.com

Anonimo ha detto...

L'importante nella vita e' avere un'ambizione, tutti gli universitari sanno che una volta finito non avranno subito un lavoro, ma avranno sicuramente una cosa in piu' nel curriculum. Ti seguo da anni ma mi pare che di ogni lavoretto che ti trovavi ti lamentavi, l'universita' delle merendine non l'hai mai finita per cui ritieniti fortunata di avere un posto di lavoro.

Kanachan ha detto...

è il tuo blog, hai tutto il diritto di lamentarti... dopotutto lo faccio pure io nel mio, ci mancherebbe!
questi turni di lavoro fatti così sballano tutto... io lo vedo con la mia amica che fa l'infermiera... io, nel mio piccolo, ti direi comunque di tenertelo ben stretto 'sto lavoro (magari li guadagnassi io 8 pounds all'ora!), migliorare con l'inglese e poi cercarti altro... ciao!

Cupcakes ha detto...

Non mi ritengo fortunata ad avere un posto di lavoro.

Ho il DIRITTO di averlo.

Biankaneve ha detto...

No, devi ritenerti soddisfatta in questo periodo di crisi.
Io sono psicologa del lavoro, con master in baby sitter cerificata.
Non trovo nulla da mesi, ne nelle aziende ne in asili, ne in scuole materne.
Nulla di nulla.

Anonimo ha detto...

Visto che e' un tuo diritto allora lavora e piantala di piangerti addosso!!! Hai l'oppurtunita' di lavorare in una bellissima citta' e di imparare una nuova lingua, pensa a chi non ha un posto di lavoro e una famiglia da mantenere!

Sluggard ha detto...

Cup, diritto una beata semplice, con tutto il rispetto.

C'è una percentuale di disoccupazione spaventosa in tutta Europa (e anche altrove), ma non mi risulta che l'UNHRC sia ancora intervenuta.

Se non ha le forze per fare i turni al mattino presto una ragazza di 25 anni, non so proprio chi dovrebbe fare questo tipo di lavori.

Comunque, datti da fare: porta curriculum in giro e trovati un buon corso di inglese (e iscriviti in piscina).

Hai dimenticato una categoria, comunque, questo va decisamente anche in "Moans".

Serena ha detto...

Ciao Cup,
non entrerò nel merito degli altri commenti, ci mancherebbe, voglio solo dirti la mia e sollevarti un po' il morale.
Purtroppo, quando si sta in un posto nuovo e si ha un nuovo lavoro, è sempre dura, è solo questione di abitudine. Non ti dico di non lamentarti, perché è normale che accada, anche perché sei alla tua prima esperienza più seria, vivi da sola, lavori e insomma, non è facilissimo.
Penso sempre che ogni cosa abbia le sue difficoltà ma che queste vadano fronteggiate come meglio ci riesce.
Per lo studio, non penso davvero che faccia la differenza. Conosco tante persone che non hanno studiato ma sono coltissime ugualmente, così come nella storia ci sono stati personaggi come Benedetto Croce, per citarne uno, che non erano laureati ma si sono fatti ugualmente valere.
Non penso si debba condannare chi decide di non studiare, anzi.

Coraggio e vai avanti!

Anonimo ha detto...

ma sei soddisfatta di stare a londra? o preferiresti tornare a casa tua? non riesco a capirlo!
in bocca al lupo

Anonimo ha detto...

Ti rendi conto che in un momento come questo di difficoltà e disoccupazione sei talmente tanto capra da dire che tu fai orari pesanti e solo x questo meriteresti di essere pagata di più? Ma cosa fai scusa? Costruisci gallerie? Vai in miniera? Prepari caffè e pulisci tavoli e tazzine....quello che prendi va più che bene, non metterti a fare discorsi che tu vali di più e hai diritto a lavorare...diritto un corno, vallo a dire a quelli che cercano lavoro da mesi o che si ritrovano senza posto da un giorno all'altro, gente che ha famiglia e ai fiocchetti di H&M nemmeno ci pensa. Loro hanno diritto a lavorare e un lavoro non ce l'hanno, tu un lavoro ce l'hai perciò evita certi discorsi da finta popolana. Fermati al fatto che ti piace lamentarti e non fare discorsi su diritti o su quanti pound vali, sono atroci.

Anonimo ha detto...

comunque Giuliana ho fatto i conti, e se lavori 40 ore la settimana (ok, 35/40, sono stata abbondante) per 6.19£ l'ora sono 990£ al mese, cioe' 1225,73 Euro al mese, col cambio di oggi.
Io direi che sono un sacco di soldi! Va bene che Londra e' costosa, ma vivi in una appartemento condiviso ad un prezzo accettabile. Certo ci devi pagare le tasse, ma come ovunque. Guarda che (se i miei calcoli sono corretti) e' un OTTIMO stipendio per una persona che si e' appena trasferita e parla/capisce male l'inglese.

Gio (UK)

Elsa Fornero ha detto...

Ma quanto è choosy questa ragazza?

Anonimo ha detto...

Gio (Uk), quali tasse? Immagini che 6.19£ l'ora siano netti. Sicchè.
E sì, è uno stipendio decisamente alto, soprattutto per ciò a cui siamo abituati in Italia.

Anonimo ha detto...

DIRITTO?!?
Leggiti un pò questa http://www.corriereuniv.it/cms/2012/10/caro-ministro-fornero-ce-chi-accetta-anche-lavori-disgustosi/ e vedi se mi parli ancora di DIRITTO AD AVERE UN POSTO DI LAVORO.
Bacia a terra per averne uno OTTIMAMENTE PAGATO, se i turni ti sono pesanti attivati per cercare altro.
Altro che 'è un mio diritto'. Con tutto il rispetto, si vede che è la tua prima seria esperienza lavorativa.

Cupcakes ha detto...

Biankaneve , io adesso vivo in un posto dove lavorare è un DIRITTO, per cui dico a gran voce di non essere fortunata ma di lavorare per mio diritto.

Vai anche tu fuori dall'Italia e vedrai che il lavoro lo troverai. Se vuoi restare lì, però, sei consapevole della situazione che c'è, e sei consapevole anche del fatto che, PURTROPPO, non cambierà facilmente.

Anonimo 18:59 , sì, sono assolutamente soddisfatta del posto in cui vivo. E no, non ho pensato neanche un minuto di ritornare a Catania.

Giò , in realtà ho le tasse e tutto, e non ho mai guadagnato in vita mia 990 pound... ma neanche 900!
Ne guadagno dagli 840 ai 880 netti, di solito. Riesco a campare benissimo, ma benissimo per una che sta in una stanza trovata in super offerta. Se dovessi cambiare casa, già quei 50 pound mi farebbero la differenza, ad esempio.

Steven a go go ha detto...

Ciamby,

peró devi essere onesta .. nel calcolo mettici anche un 25 pound settimanali di mance dei clienti .. che fanno un extra 100 poundini extra alla fine del mese. Quindi con l'affitto extra-economico che hai non ti puoi lamentare .. io te lo dico per te, cerca di essere chiara nelle tue cose che le anonime sono pronte come al solito a saltarti alla giugulare non appena ti muovi.. quindi non dare loro occasioni di criticarti sulle mance.

Ragazzuole e sappiate che se una cameriera con la licenza media becca sui 900 pound al mese... un neolaureato in ingegneria o titolo analogo si becca di partenza sui 2.700/3.000 pound al mese... che equivalgono ad oltre 3.500/4.000 euri .. piu o meno.


Io sono anni che dico che l'africa italiana e' un paese fallimentare, dove nulla funziona e il mercato sembra una melassa.


PS. Ma la Martina e' gia' arrivata?

Steven

www.stevenagogo.wordpress.com

Anonimo ha detto...

Steven, levati dalle palle allora, nessuno di noi ha voglia di pagarti la pensione.

Anonimo ha detto...

"Io te lo dico per te"....l'articolo davanti ai nomi propri....è vero, l'italia è piena di africani....

Steven a go go ha detto...

Sluggard ( o chiunque tu sia ) .. io scrivo come cavolo mi pare, anche in considerazione del fatto che tendo a pensare le frasi prima in lingua inglese e solo successivamente in lingua africana, il che significa che nonostante abbia un rimarchevole eloquio la doppia traduzione implica che qualche glitch scappa .. e onestamente di dimenticare la lingua africana pianin pianino .. non me ne frega nulla.

Comunque visto che nella tua magra vita non hai nulla da fare .. ti dico che .. si .. ebbene si .. "te lo dico per te" non e' il massimo dell'eleganza .. tie' godi anche te nella tua povera esistenza slugghica.


PS. Ciamby, spero che questo sia davvero un commento slugghico di quelli soliti che la slug fa nascondendosi dietro l'anonimato.. perche' sei hai ricominciato a scrivere i famosi commenti fasulli mi sembra una cosa molto triste. Ma voglio crederti.

Steven

www.stevenagogo.wordpress.com

Anonimo ha detto...

anonimo delle 21.17,

quella e' la paga all'ora, ma ci sono le trattenute, cioe' sono lordi non netti.
Se guadagni meno di un tot tra una dichiarazione e l'altra (Aprile) puoi chiederli indietro - e te li riaddebitano rapidamente sul conto (funziona!) se no se li tengono. Quanto sono le trattenute e' proporzionale alla 'fascia' di stipendio in cui sei.
Gio (UK)

Cupcakes ha detto...

Avete ricominciato a dare corda a Steve e Steve a voi?

BASTA!

Steven , di mance ne farò dieci o quindici a settimana. Non avevo neanche pensato alla loro esistenza quando ho scritto, effettivamente. Le metto tutte da parte per cui non rientrano nel mio bilancio economico mensile.

Per la cronaca, se continui a parlare di Sluggard o ad accusare me di autoscrivermi i commenti, cancello tutto ciò che hai da dire e puoi sfogarti nel tuo blog quanto vuoi.

Saluti.

.

Anonimo ha detto...

Quando ti licenzieranno vedremo se è un tuo diritto O___o

Cupcakes ha detto...

Quando mi licenzieranno mi cercherò un altro lavoro, sperando di trovarlo.

Nel contratto c'è scritto che entro i primi tre mesi possono licenziarmi quando vogliono... per cui è un loro diritto farlo ;)

Anonimo ha detto...

ma quindi a me sorge spontaneo l'interrogativo:ma...questo steven che spara merda sulla italiafrica non se ne va dal Paese perché è un arzillo pensionato (di quelli che ci sono andati con 15 anni di contributi ai tempi d'oro dell'INPS) che se ne sta comodamente pantofolato a guardarsi Affari Tuoi tutte le sere dopo il TIGGI? Nonno steve dai, fai il bravo, e piuttosto raccontaci di quella volta quando tu Winston Churchill e Lawrence Olivier chiedevate la casa in affitto al city council...

Teribbile

violanota ♠ ha detto...

Cup permettimi, TUTTI noi dovremmo avere il diritto di lavorare, OVVIAMENTE a prescindere dal conseguimento o meno di una laurea, però certi discorsi proprio non si possono sentire...

quando dici che studiare non è come spaccarsi la schiena in miniera hai perfettamente ragione, ma forse non ricordi che non è esattamente divertente, soprattutto alcuni indirizzi di studio sono davvero pesanti.
Io per esempio anche a causa dell'università ho rischiato di perderci LA SALUTE, davvero, e non ne sono nemmeno del tutto fuori, perchè ci ho messo anima e corpo e credevo veramente in quello che ho scelto. senza contare che spendo quasi 3mila euro l'anno di università, quindi forse forse è normale che ambisca a qualcosina di più rispetto a chi invece ha la terza media.
Se ho investito molto (sia economicamente che emotivamente) nella mia preparazione è solo PER COSTRUIRMI UN FUTURO, mica perchè fa figo dire che sono laureata.

scusa lo sfogo ma è n argomento che mi tocca molto, forse perchè io e la mia laurea al momento abbiamo uno stipendio di TRE EURO all'ora (nonostante il mio lavoro sia un po' più di responsabilità rispetto a servire caffè, perdonami)
e nonostante tutto rifarei ogni singola cosa, e sono grata di avercelo questo straccio di lavoro, perchè pezzetto dopo pezzetto sto cercando di migliorarmi e costruire qualcosa.

Detto questo (visto che non commento mai ne approfitto una volta per tutte :P), mi spiace che tu non stia passando un periodo roseo, coraggio, sono sicura che ricupererai presto la linea e la spensieratezza perdute!

Anonimo ha detto...

Ora si giustifica dicendo che ormai traduce le frasi dall'inglese all'italiano...te lo dico per te come lo tradurresti in inglese scusa? Soprattutto quel "te" davanti a tutto? Non arrampicarti sugli specchi fai ridere...sei una capra ignorante...e se l'italiano ti fa tanto schifo scrivi in un' altra lingua visto che sei tanto bravo....o magari vai a commentare qualche blog straniero visto che tu sei non italiano non pecorone e non deficiente ahahahahaah

Veronica Zoccheddu ha detto...

Poter condurre una vita dignitosa, e' un diritto, ma bisogna anche dare, e uno deve fare il suo, per averne il diritto. Non i sembra che tu sia sotto i ponti, e comunque: non avevi esperienza, non hai qualifiche o titoli di studio particolari, non sai bene la lingua del posto: scusa tanto se sei stata anche fortunata a trovarlo! Altro che orari! sei esattamente ne "profilo" che queste catene cercano. Sanno benissimo anche loro che dopo un po', trovato di meglio, la gente se ne andra', come spero accadra' anche a te, e non si aspettano di avere impiegati fedeli che resteranno con loro dieci anni. E una catena di montaggio. E poi davvero, come chi scriveva prima, una ragazza di 25 anni dovrebbe mangiarseli si turni! poi lamentati pure, se ti piace eccetera eccetera e ti fa stare meglio, pero sii obbiettiva, per favore. Basta anche con 'sta storia che tanto anche i laureati finiscono all'Ikea, e dunque non serve a nulla studiare, perche e' di una cretineria unica. Un laureato ha comunque una prospettiva, una qualifica. Non e' che i diplomati non se lo meritano, PER CARITA'. Non e' una guerra fra poveri. Semplicemente, a te non piaceva studiare e hai fatto bene a smettere, come ho detto piu volte non e' obbligatorio che tutti studino e si laurino. Pero ora non dire che devi avere di diritto le stesse possibilita di chi comunque ha studiato anni piu di te.

Veronica Zoccheddu ha detto...

Scusa, laurEino

Anonimo ha detto...

Ok, i tuoi orari fanno cacare e non ti ci abituerai mai, sono d'accordo, però se in un momento di merda come quello che sto passando io penso che tu sei nella città dei tuoi sogni, vivi sola, stai lavorando (e fai un lavoro che nemmeno ti fa schifo in realtà), prendi un buono stipendio E TI LAMENTI, non posso che mandarti bonariamente a quel paese.
Fidati che sei fortunata (e un po' sei stata anche brava, visto che hai avuto il coraggio di dare una svolta alla tua vita) perciò stringi i denti e vedrai che qualcosa di meglio arriverà (dovresti essere positiva, visto che il "grosso" l'hai già fatto). Comunque non so come lamentarti possa aiutarti a stare meglio, io quando mi lamento (e lo faccio spesso anch'io) mi sento sotto un tram e ho solo voglia di piangere. Chiao cup ;)
BlackTea

Anonimo ha detto...

Tesoro, il classismo non è certo la magnificazione di chi ha studiato a svantaggio di chi non lo ha fatto.
Ti ricordo che grazie alla lotta di classe (e per quanto riguarda noi donne ai movimento femminili, prime tra tutte le suffragette) la possibilità di studiare è divenuta una questione universale: maschi e femmine di qualsivoglia classe sociale possono, se vogliono, attraverso un impegno economico minimo, accedere agli studi superiori. Non è un fatto scontato, ma un DIRITTO acquisito con impegno, fatica e a costo di molte vite, sul quale faresti bene a non ironizzare.
Chi non studia, non si impegna, non agisce per evolversi e migliorare (indipendentemente dal lavoro in cui si impiega, che è una cosa diversa dall'educazione acquisita) è, dal mio punto di vista, uno che non ha bisogno di farlo perché in qualche modo ha comunque i soldi in tasca e il culo parato.
E comunque faresti bene a rammentare che l'educazione è l'unica cosa che renda gli uomini liberi; liberi di scegliere, di muoversi, di operare discriminazioni di criterio.
Fare la barista per scelta è molto diverso che fare la barista perché NON si hanno alternative. E nel tuo caso, se per altri non è così, avresti potuto studiare giacché non avevi impedimenti di alcun genere e la tua famiglia ti avrebbe sostenuto.
In fondo, credo che sia tu la classista e quella che non rispetta i lavoratori: pensa a quanta gente, potendo, avrebbe impiegato il proprio denaro e qualche anno della propria vita in una laurea e invece, per cause obiettive, ha dovuto iniziare a lavorare in cantiere magari a sedici anni, mentre tu bramavi la borsetta di Ciccì e Coccò come massimo sistema della tua esistenza.
Lilla

Astrid ha detto...

è per la gente come te che noi tutti giovani italiani siamo stati definiti "choosy" e "bamboccioni". Invece di fare l'arrogante vola basso e abbi un po' di umiltà.

Anonimo ha detto...

VAI A PULIRE LA MERDA NELLE STALLE GIULIANA! SOLO QUELLO MERITI DI FARE

Anonimo ha detto...

e voi state pure ad ascoltare i politici che, dall'alto dei loro stipendi a 4 zeri, si permettono di sparare quattro frasi a effetto definendoci choosy e bamboccioni?? loro che introducono i figli in ogni qualsivoglia ambiente grazie alle raccomandazioni?? lasciate perdere le definizioni idiote di certi politici imbecilli.

Anonimo ha detto...

Lascia che ti dica una cosa molto semplice. Forse ti ferirà nell'amor proprio o forse
neanche capirai cosa ho scritto. Analizziamo la situazione. Tu non sai la lingua, non
hai un titolo di studio, non hai esperienza. Dici che in Inghilterra il lavoro è un
diritto. Certamente, lo è. Lo è secondo le possibilità e le esperienze di ognuno di noi.
Con le tue possibilità e curriculum puoi aspirare a fare la barista. Forse farai la
commessa, forse potresti anche, un giorno, diventare responsabile di quel locale/negozio
dove lavori. Ma non puoi aspettarti di meglio. Il lavoro viene assegnato secondo i
meriti, non secondo i bisogni. Un lavoro d'ufficio verrà dato a un laureato. E' vero
che in Italia non c'è lavoro e i laureati devono essere fortunati a poter lavorare da
Ikea. A Londra però il lavoro c'è. Ed è giusto che tu lavori in un bar, perchè non puoi
chiedere di meglio.
Inoltre, trovo più meritevole un laureato che ha sudato per anni per conquistarsi un
titolo di studio e poi va a lavorare da Ikea, invece che una persona che ha perso il
suo tempo a lamentarsi e poi PRETENDE anche di potersi scegliere il lavoro.

Steven a go go ha detto...

Brava anonima delle 16:06, abbiamo bisogno di persone come te... mi piace quello che scrivi ed anche il modo in cui lo hai scritto, con calma, senza adirarti troppo. La ciambella ha bisogno di queste lezioncine di vita nei commenti.

Magari prima o poi, a furia di commenti anche la ciambella riuscira' a maturare una sua coscienza civile.

Chi lo sa ?

Steven

www.stevenagogo.wordpress.com

Anonimo ha detto...

Mi spiace Cup, ma l'anonimo delle 16.06 ha pienamente ragione. Spero, per il tuo bene, che prima o poi lo capirai.
Non è solo questione di titolo di studio, ma di competenze acquisite ed esperienze. Nessuno qui ha affermato che "chi non studia non può pretendere", ma non può farlo e non può puntare il dito chi non si è mai impegnato e si lamenta e basta, denigrando chi invece ce l'ha fatta. Una laurea non è solo un pezzo di carta, ma è soprattutto aver raggiunto un obiettivo, con fatica e costanza. Questo ti si rimprovera.

Florrie O. ha detto...

L' unica é approfittare del giorno off per girare cercre negozi che assumano, lasciare cv. Non ho idea dei possibili avanzamenti di carriera che puoi fare da caffe nero, ma se questi orari ti causano scompenso io cambierei.
Il lavoro é un diritto ma mi sembra pacifico che ci siano lavori usuranti o noiosi. Soprattutto niente cade dal cielo, e spesso se non si han qualifiche speciali bisogna dimostrare ancor di piûu le proprie capacità

Anonimo ha detto...

i commenti seri di steve sono eccitanti, ancor più l'idea che sia un sexy 50enne brizzolato..
trilly

Anonimo ha detto...

Mamma che palle siete....ogni volta tirate su un pappone allucinante dal nulla...ma che vi frega se lei pensa che certe lauree non hanno valore, o se si lamenta perché gli orari sono pesanti? Si è per caso licenziata perché vuole più soldi o orari più umani, ha fatto la schizzinosa rifiutando il posto? No si è semplicemente lamentata, complice la stanchezza, degli orari lavorativi, cosa che fanno i tre quarti degli esseri umani. Siete pesantissimi, che palle (non mi firmo, non voglio inutili attacchi, i tuoi anonimi sono pazzi)

Astrid ha detto...

la schizziosa l'ha fatta già abbastanza a Catania quando rifiutava di lavorare ai call center perchè non la soddisfava la paga. La schizzionsa la fa anche quando ci viene a dire che la laurea è un foglio di carta che non serve a niente della serie "io sono la più furba perchè sono espatriata e lavoro in un bar, voi siete coglioni perchè continuate a studiar merdate all'università". Qui tutti stanno solo cercando di farle capire che deve avere un po' di RISPETTO nei confronti delle persone. Poi se a lei piace lamentarsi affari suoi, ma il punto è un altro.

Anonimo ha detto...

STICAZZI

bybl

Anonimo ha detto...

"cosa c'è di emozionante in un mammoriano che vola?" mi è tornata in mente una frase che avevi scritto ancora su iobloggo..uahahah scusa lo so che non c'entra niente!

Dona il tuo amore qualsiasi cosa succeda ha detto...

:-( vivi al contrario...

Anonimo ha detto...

Sono l'anonima delle 16:06, al secolo Claudia, giusto per non confondersi nel mare di anonimi a piede libero. Non me ne vogliano gli avvocatuncoli del diavolo, ma Giuliana attira critiche che merita in pieno. Lei è libera di lamentarsi, dopotutto è il suo blog. Ma così come lei è libera di esprimere se stessa, allora noi siamo liberi di esprimere il nostro parere su di lei e, soprattutto su alcuni giudizi che a me sembrano il classico "l'uva è troppo alta e non ci arrivo". Se non si vogliono sentire le critiche, allora tantovale eliminare lo spazio commenti.

Cupcakes ha detto...

Io le critiche le ascolto volentieri. Semplicemente, non cambio idea dopo averle lette, di solito, e non partito preso, bensì perchè i miei pensieri sono ben ponderati di solito, per cui credo davvero in ció che dico.

Anonimo ha detto...

Immaginavo il tenore della tua ultima risposta...non c'è niente da fare, sei proprio ottusa.

Anonimo ha detto...

Questo stile di scrittura mi è familiare....davvero ti chiami Claudia??mmm....

Anonimo ha detto...

sei solo una pigrona viziata che a 50 anni dovrà aspettare che muoiano i genitori per avere una casa. Ne conosco altri di personaggi così, ma non della mia generazione...Sono tutti già adulti. Sei retrò Giuliana.

Margherita ha detto...

Ciao Giuliana, ero d'accordo con te finché parlavi del fatto che avere un lavoro è un diritto. Su quello sono perfettamente d'accordo. DIRITTO. Noi lavoratori non dovremmo ringraziare il datore di lavoro. E' il datore di lavoro che dovrebbe ringraziarci. Perché se non ci fossimo noi lavoratori, le catene, le aziende, crollerebbero. E' poi questo il senso "lavoratori di tutto il mondo unitevi": che finché i lavoratori non si renderanno conto del loro potere, continueranno ad essere sfruttati. Quindi hai fatto un discorso comunista, anche se non ne eri probabilmente consapevole :-). Poi è ovvio che il lavoro è proporzionale alle competenze e ai meriti raggiunti da ognuno di noi. Il tuo discorso sulle lauree è raggelante e offensivo. Tu puoi dire che alcune lauree sono "fuffa", ma intanto non ce l'hai fatta a laurearti. Anzi, quanti esami hai dato all'università? Due? Non ci fai una bella figura parlando così. Non che a te interessi il giudizio altrui, ma per rispetto verso le numerose blogger laureate che vengono qui a commentarti e che sono sempre gentili con te. Tipo Biankaneve, Veronica, Violanota... Almeno per loro dovresti contenerti. Poi è ovvio che anche chi non è laureato ha diritto ad aspirare ad orari di lavori più umani, paghe più umane, ecc... ma il periodo storico è quello che è. Si può parlare di questo senza andare per forza ad offendere persone che hanno fatto scelte diverse dalla tua. Anche quando dici "un muratore con la quinta elementare il culo se lo spacca molto di più le persone che si"spaccano il culo sui libri", dimostri superficialità: ti sei mai spaccata il culo sui libri? Ci sono persone che piuttosto che passare un minuto su un libro, preferiscono arare un campo. E' il tuo caso probabilmente. Prova a preparare un qualsiasi esame di medicina. Ma prova anche solo a studiare un qualsiasi esame della facoltà che frequentavi a Catania e che, offensivamente, chiamavi "scienze della merendine", e a prendere non un voto qualsiasi ma 30 e lode. Vedrai che non è così semplice. Ma ovvio, tu non vuoi sentirti inferiore. Quindi, il modo più semplice, è attaccare gli altri e sminuire le loro scelte. Ciao.
Margherita

Anonimo ha detto...

Margherita ha colto il punto, a mio parere.
Non sono tanto le discriminazioni "esterne", perché anche se giuliana si sforza di dire che non è vero, è lei stessa a vivere male la mancanza di una laurea e a sentirsi da meno.
Così, a modo suo, cerca di ridarsi un tono spalando merda su chi una laurea invece l'ha presa, dicendo che è inutile, che sono tutti degli idioti, bla bla...
Una povera storia della volpe con l'uva.
E vorrei anche aggiungere che la laurea e lo studio in generale, non sono solamente un mezzo per arrivare al fine che è il lavoro, ma in primis sono conoscenza e arricchimento, c'è a chi questo piace. Strano?

Hyatt

Anonimo ha detto...

Senza datori di lavoro i lavoratori che farebbero? Cercate di vedere le cose da entrambi punti do vista.
credo, o almeno spero, che giuliana non si riferisse alle lauree delle sue lettrici, di cui mi sembra che biankaneve sia psicologa e le altre facciano lingue o economia (non vorrei sbagliarmi) sono lauree di tutto rispetto e in cui ci si fa il culo, non esistono solo l'ingegneria e la giurisprudenza. Spero si riferisse alle varie scienze delle comunicazioni, che di competenze ne danno poche. Non credo abbia messo in dubbio che gli universitari si fanno il culo, ma l'utilità che certe lauree possono avere. che poi sminuisca ulteriormente perché lei non ce l'ha fatta può essere vero, ma se qualcuno mi dice che un laureato triennale allo iulm vale più di un diplomato mi metto a ridere anch'io.

Anonimo ha detto...

Davvero i non laureati non possono lavorare in ufficio? Capisco...
Sono 15 anni che sono impiegata in un ufficio e con il solo diploma di scuola superiore, senza sapere bene l'inglese e con poche nozioni contabili, cazzo devo aver avuto un gran culo, così come altre mille come me nella mia città

Anonimo ha detto...

Appunto. 15 anni fa. I tempi sono "leggermente" cambiati.
Ps: anonimo che anonimamente chiedi se mi chiamo davvero Claudia...chiedo perdono, ma chi dovrei essere?

Anonimo ha detto...

Komunista del kazzo. Perdente.

Cupcakes ha detto...

Hyatt , non essendo dentro la mia testa, queste supposizioni psicologiche sul fatto che io mi senta inferiore a causa della mia non laurea te le potresti evitare.

Al massimo potrei dire che mi sarebbe piaciuto nascere con la testa adatta per lo studio in facoltà importanti. Mi sarebbe piaciuto avere un'ambizione da raggiungere attraverso lo studio, questo sì, ma invece studiare mi fa schifo e quindi ho smesso di farlo. E non me ne pento, né avrei voluto fare altrimenti. Anzi altrimenti sì: avrei voluto mollare molto prima.

Io mi potrei arricchire e acculturare anche senza laurea. Esistono i libri, qualora non ne fossi a conoscenza, e non li comprano solo gli universitari.

E infine, non spalo merda sui laureati: butto merda sui laureati convinti di valere più di un diplomato. Non valgono di più, semplicemente hanno un diverso titolo di studio, e se questo titolo di studio è "scienze del nulla", a mio modesto parere non vale nulla come il nome stesso dice.

Anonimo ha detto...

era talmente facile, la tua inutile facoltà, che tu non sei riuscita a dare neanche un esame decente.

Anonimo ha detto...

Ma hyatt che cazzo vuole?

Anonimo ha detto...

Dove, all'università dell' "anal to mouth"? Almeno si spiega il tuo alito, ciamby!

Anonimo ha detto...

Ma infatti nel mercato del lavoro conta più un laureato di un diplomato. Sempre se non vuoi fare lo sguattero in un bar per sempre.

Cupcakes ha detto...

Io vorrei fare la cassiera in un supermercato, veramente.

Cupcakes ha detto...

Margherita , dal telefono avevo letto solo una parte del tuo comemnto e poi mi ero scordata di riaprire ben bene la pagina dei commenti una volta tornata a casa, per cui ti rispondo con un bel po' di ritardo, scusami.

All'università avevo dato dieci materie i primi tre anni, e gli altri anni ero rimasta iscritta non partecipando attivamente. Quelle dieci materie le avevo date studiandole ognuna per al massimo una settimana, e i miei voti andavano tutti dal 25 in su. Non sono l'ultima degli stolti, e stranamente ero anche piuttosto veloce a studiare... quando decidevo di farlo.
Non mi sono laureata perchè non mi piace studiare e non perchè io sia una povera imbecille ignorante.

Detto questo, a mio parere chi rifiuta i voti pretendendo 30, meriterebbe di ripetere l'esame duemila volte, ma questa è un'altra storia. Una storia di presunzione. Avrei voluto studiare solo per diventare una professoressa e mettere zero patata a qualsiasi studente che avesse rifiutato un mio voto. E siccome professoressa, con i tempi che corrono e il periodo storico che è quello che è non ci sarei diventata... ho smesso di studiare =D

Margherita ha detto...

Ciao Giuliana. Noto dall'ultimo post che le cose vanno male. Non protrarrò troppo oltre la discussione ma ti rispondo. Il sunto del mio post non era ciò a cui hai risposto. Il fulcro era che l'università serve eccome, ma deve esere fatta in un certo modo. Cioè, per essere chiari, non come la facevi tu, che studiavi frettolosamente da una settimana prima. Son tutti buoni di prendere una laurea studiando alla boia. Son pochi quelli che la prendono cercando di sfiorare l'eccellenza. E sì, se fatta bene, il grado di preparazione fra un laureato e un diplomato è evidente. Non vuol dire che il primo vale più del secondo da un punto di vista umano. Ma da un punto di vista culturale, sì, su questo non ci piove. Io sono laureata ad una delle facoltà che tu, offensivamente, reiteri a chiamare "scienze del nulla". Questa laurea che tu dici che non serve a niente mi permetterebbe di lavorare a scuola. Magari non avrei il posto fisso, questo è certo, farei la supplente come fanno le mie amiche. Ma ti assicuro, è più stimolante che fare caffè e panini, che pure ho fatto quando ero all'università. Io ti consiglio di avere un po' meno di boria, quest'atteggiamento arrogante non porta lontano nella vita. Quindi forza, coraggio e fatti un piano per ripartire. Mi spiace molto che tu abbia ripreso peso e che sia stata licenziata. Ma credo anche che certe cose succedono quando si è immaturi e dai discorsi che fai penso tu lo sia. Spero tanto che queste esperienze, per quanto brutte, ti aiutino a crescere, a mettere da parte la superbia e a lavorare sui tuoi limiti. Ciao, Margherita

Anonimo ha detto...

iwodb [url=http://drdrebeatsonlinesale.co.uk]dr dre beats[/url] lvznw http://drdrebeatsonlinesale.co.uk gkkxx [url=http://beatsdrdresales.co.uk]beats by dre[/url] ykzur http://beatsdrdresales.co.uk pkzhl [url=http://drdrebeatsonlinestores.co.uk]dr dre beats[/url] qgqmg http://drdrebeatsonlinestores.co.uk euarf [url=http://cheapbeatsdrdreonlinesale.com]cheap beats by dre[/url] sjoio http://cheapbeatsdrdreonlinesale.com jkwvq [url=http://beatsbydrdreshopping.com]beats by dre[/url] ozsvs http://beatsbydrdreshopping.com zcjzd [url=http://beatsbydrdreoutletforsale.com]cheap beats by dre[/url] migrz http://beatsbydrdreoutletforsale.com atmo

Anonimo ha detto...

iye [url=http://www.celineluggagetotediscount.com]Celine Handbags[/url] iti http://www.celineluggagetotediscount.com jva [url=http://www.celinehandbagsdiscount.com]Celine Handbags[/url] eqk http://www.celinehandbagsdiscount.com onm [url=http://www.celinebagxiao.com]Celine Bags[/url] pok http://www.celinebagxiao.com hii [url=http://www.celinehandbagswe.com]Celine Bags[/url] tuk http://www.celinehandbagswe.com uiq [url=http://www.drdrebeatsname.com]Dr Dre Beats[/url] cps http://www.drdrebeatsname.com dsz

Anonimo ha detto...

dzphnc http://abc-louisvuittonoutlet.com bskwwo http://www.canadagoosehut.com buuopt http://www.mymontblancforcheap.com fwyvhg http://beatsbydrecheapp.com bnoajg http://alouisvuittonoutlet-au.com hxzeql [url=http://abc-louisvuittonoutlet.com]louis vuitton sale[/url] lhwji [url=http://www.canadagoosehut.com]canada goose[/url] ochxh [url=http://www.mymontblancforcheap.com]mont blanc pens[/url] kbfjz [url=http://beatsbydrecheapp.com]beats by dre[/url] xyiuge [url=http://alouisvuittonoutlet-au.com]louis vuitton outlet[/url] nwxv

Anonimo ha detto...

loxqsq http://www.mocanadagoosejackets.com enuxac http://icheapbeatsbyddre.com fomvxf http://www.mocanadagooseoutlet.com rqxdlg http://socheapbeatsbydree.com joewvx [url=http://www.mocanadagoosejackets.com]canada goose jacket[/url] brwel [url=http://icheapbeatsbyddre.com]dr dre beats[/url] akmkig [url=http://www.mocanadagooseoutlet.com]canada goose outlet[/url] edgce [url=http://socheapbeatsbydree.com]cheap beats by dre[/url] pfjggm [url=http://palouisvuittonoutlet.com]louis vuitton sale[/url] dsfpll [url=http://pa-louisvuittoncheap.com]louis vuitton outlet[/url] qghp

Anonimo ha detto...

qtplch http://www.mocanadagoosejackets.com xguvtc http://icheapbeatsbyddre.com slyauk http://www.mocanadagooseoutlet.com xoxfxd http://socheapbeatsbydree.com toonwq [url=http://www.mocanadagoosejackets.com]canada goose outlet[/url] vzhvu [url=http://icheapbeatsbyddre.com]dr dre beats[/url] whcqpg [url=http://www.mocanadagooseoutlet.com]canada goose[/url] dgsgf [url=http://socheapbeatsbydree.com]dr dre beats[/url] qvqqvi [url=http://palouisvuittonoutlet.com]louis vuitton bags[/url] tapbyp [url=http://pa-louisvuittoncheap.com]louis vuitton outlet[/url] myul

Anonimo ha detto...

vwijmz http://au-louisvuittonoutlet.com vnqopi http://www.hots-canadagooseoutlet.com uzkhex http://www.montblanc-sale-us.com rtierz http://cheaperbeatsbyydre.com fhorab http://fox-louisvuittonoutlet.com yrxpdq [url=http://au-louisvuittonoutlet.com]louis vuitton handbags[/url] tznap [url=http://www.hots-canadagooseoutlet.com]canada goose outlet[/url] aeecd [url=http://www.montblanc-sale-us.com]mont blanc[/url] mrlpq [url=http://cheaperbeatsbyydre.com]dr dre beats[/url] leuqcz [url=http://fox-louisvuittonoutlet.com]louis vuitton sale[/url] xtxs

Anonimo ha detto...

avcfmi http://pa-louisvuittoncheap.com arjyzk http://www.mccanadagooseoutlet.com miduzm http://www.sale-cheapmontblanc.com ijlsht http://cheaperbeatssbydre.com ulzsmc http://palouisvuittonoutlet.com oaunfy [url=http://pa-louisvuittoncheap.com]louis vuitton outlet[/url] wsyms [url=http://www.mccanadagooseoutlet.com]canada goose[/url] pzrfo [url=http://www.sale-cheapmontblanc.com]mont blanc pens[/url] afpwj [url=http://cheaperbeatssbydre.com]beats by dre[/url] ankqlx [url=http://palouisvuittonoutlet.com]louis vuitton bags[/url] nfyf

Anonimo ha detto...

znfcg http://beatsbydreaf.com knavy [url=http://beatsbydreaf.com]http://beatsbydreaf.com[/url] rtyke [url=http://beatsbydreaf.com]Beats By Dre Cheap[/url] foefh [url=http://beatsbydreaf.com]Beats By Dre Cheap[/url] oybhg [url=http://beatsbydreaf.com]Cheap Beats By Dre[/url] kjhzi http://louisvuittonah.com utqir [url=http://louisvuittonah.com]http://louisvuittonah.com[/url] rbgky [url=http://louisvuittonah.com]Louis Vuitton Outlet[/url] ancel [url=http://louisvuittonah.com]Louis Vuitton Bags[/url] qkleg [url=http://louisvuittonah.com]Louis Vuitton Outlet[/url]

Anonimo ha detto...

zsquqp http://www.louisvuittonbags-uk.co.uk tbeuul [url=http://www.louisvuittonbags-uk.co.uk]louisvuittonbags-uk.co.uk[/url] sssraf [url=http://www.louisvuittonbags-uk.co.uk]http://www.louisvuittonbags-uk.co.uk[/url] rnkekg [url=http://www.louisvuittonbags-uk.co.uk]louis vuitton uk[/url] kmotjr [url=http://www.louisvuittonbags-uk.co.uk]louis vuitton uk[/url] yfjvdq [url=http://www.louisvuittonbags-uk.co.uk]louis vuitton handbags[/url] vupitb